menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I Comunali si dividono a metà: vince il "Sì", ma è quasi pareggio

L'intesa con la dirigenza passa per soli 17 voti di scarto (ha partecipato il 65% degli aventi diritto). Il risultato alle 18 di mercoledì

Un risultato del genere era difficile aspettarselo. Ca' Farsetti diviso a metà, tra chi ha approvato la proposta d'intesa stretta tra i sindacati e la dirigenza in merito ai tagli delle indennità e chi invvece l'ha respinta. Alla fine verso le 18 il risultato dei tre giorni di consultazione tra i dipendenti comunali. Di una incollatura vince il "sì", con 1033 voti favorevoli. Coloro che si sono schierati contro l'intesa si sono fermati a 1016, ossia solo 17 voti di scarto. Praticamente un pareggio che non può che schiudere giorni movimentati in laguna, nonostante i mesi di trattative che avevano portato all'accordo, con l'unico punto di domanda dei progetti speciali per la polizia municipale di cui si sarebbe discusso a gennaio. Assieme a un nuovo contratto decentrato.

La Rsu e le altre sigle sindacali dunque incassano una vittoria a metà, tanto più su 3.236 aventi diritto hanno votato 2.124 lavoratori. Poco più del 65%. Con annche 75 schede bianche.

Gli unici rappresentanti dei lavoratori a sorridere in maniera più aperta sono quelli del Diccap, che non aveva firmato l'accordo e che si era schierato per il "no": "Siamo soddisfatti - dichiara Luca Lombardo, il coordinatore della sigla - Ora faremo una riflessione con i lavoratori. Questo è stato un voto elettronico in mano all'amministrazione, ma nonostante ciò siamo indietro di poco. Crediamo che con questo risultato il commissario Zappalorto non possa andare dritto per la sua strada, ma che invece una mediazione ulteriore ci debba essere. Spetterà a lui - conclude - ecidere se tirare ulteriormente la corda".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento