menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Riviera del Brenta arrivano le scarpe "green" che non inquinano

Presentati prototipi di colle scaturiti dalla collaborazione tra il Consorzio maestri calzaturieri e l'ateneo. Il loro utilizzo soddisferà i clienti e farà risparmiare le aziende nei costi di produzione

Scarpe "green" a basso impatto ambientale. E' la novità messa a punto nel veneziano grazie alla collaborazione tra il Consorzio Maestri Calzaturieri e l'Università Cà Foscari con il Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatiche e Statistiche e il Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanostrutture. Il Consorzio e l'ateneo veneziano hanno unito le loro competenze lavorando insieme al progetto che si è avvalso di finanziamenti regionali.

Le ricerche e le prove condotte in laboratorio hanno portato alla formulazione di diversi prototipi di colle che hanno dato degli ottimi risultati preliminari su tomaie e in generale nell'incollaggio di pelli impiegate nel settore calzaturiero. Il prossimo obiettivo? Applicare il know-how universitario di questi solventi nel campo della produzione di scarpe. I solventi innovativi che le costituiscono fanno parte della famiglia dei dialchil carbonati, composti non-pericolosi secondo la normativa Ocse, e si sostituiscono a quelli attualmente usati che spesso sono dannosi per la salute e l'ambiente.

Lo studio di solventi contenenti unità alchil carbonate non solo hanno mostrato tossicità praticamente nulla, ma hanno dimostrato di avere permesso prestazioni superiori a quelli comunemente usati per tali utilizzi impiegando una minore quantità di solvente. I vantaggi delle 'scarpe verdi' saranno notevoli: le aziende potranno soddisfare i segmenti di consumatori più sensibili agli aspetti ecologici e all'impatto ambientale dei prodotti. Otterranno benefici eliminando o ridimensionando gli impianti di aspirazione, con risparmio di costi fissi legati all'energia e alla manutenzione. (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento