Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Marghera

Sala slot ricorre al Tar contro il distanziometro, per il tribunale "i 500 metri sono ragionevoli"

Il ricorso della sala di Marghera era stato presentato a seguito della diffida del Comune, a cui si erano affiancati anche Agenzia delle dogane e l'istituto comprensivo Einaudi

Aprire una sala slot vicino a luoghi "sensibili" è davvero difficile, e la dimostrazione arriva dalle ultime sentenze che danno ragione "in toto" al Comune. Come riportano i quotidiani locali, il distanziometro inserito nel regolamento approvato da Ca' Farsetti è stato giudicato pienamente ragionevole dal Tar, al quale si era rivolta la società titolare della sala scommesse Intralot di via Longhena alla Cita.

La diffida alla sala gioco a continuare l'attività era giunta ad inizio gennaio dall'Amministrazione di Venezia, a cui si erano affiancati anche l'Agenzia delle dogane e dei monopoli e l'istituto comprensivo statale Einaudi di Marghera, la cui sede di via Canal si trovava a distanze ben inferiore ai 500 metri previsti dal regolamento. Ma a meno di mezzo chilometro dalla sala c'erano, tra gli altri, anche gli impianti sportivi di via Paolucci, il teatro Aurora e la chiesa di Sant'Antonio.

La società ha provato a sostenere l'illegittimità del distanziometro proprio davanti al Tar, sottolineando l'effettiva impossibilità di poter avviare un'attività di scommesse con un campo di restrizione così esteso: solo l'1,2% del territorio comunale, infatti, risponderebbe ai requisiti. Allo stesso tempo sono state contestate anche le 7 tipologie di luoghi considerati "sensibili". Ma il tribunale non è stato dello stesso avviso: nella decisione del giudice è stato specificato come i 500 metri in linea d'aria, in rapporto con l'estensione del territorio comunale, "appaiono ragionevoli e proporzionati". Inoltre, il fatto di ritenere luoghi sensibili scuole e impianti sportivi è risultata più che appropriata, dal momento che si tratta di ambienti frequentati da ragazzi, che potrebbero essere più vulnerabili e attirati dalla possibilità di provare il gioco d'azzardo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sala slot ricorre al Tar contro il distanziometro, per il tribunale "i 500 metri sono ragionevoli"

VeneziaToday è in caricamento