menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Vita da social", a San Donà si impara come evitare i rischi dell'uso scorretto della Rete

Cybernauti sì, ma con consapevolezza. Il progetto formativo della polizia dedicato ai giovani, per far capire i "pericoli" che possono nascondersi sul web. Mercoledì alle 20.30

San Donà di Piave diventa tappa, una delle 20 in tutta Italia, del progetto di formazione della polizia di stato, dedicato ai più giovani, al fine di aiutarli a comprenderei rischi che si possono nascondere nel web e in particolare nei social network. Nelle varie tappe, operatori della polizia postale e delle comunicazioni, incontrano studenti, principalmente dalla seconda media alla seconda superiore, oltre a insegnanti e genitori in un’aula mobile allestita all’interno di un grande motorhome.

A San Donà posteggerà in piazza Indipendenza a partire dalle 8.30 di venerdì 3 marzo. Verranno toccati i temi dell’uso dei social network, del cyberbullismo, dell’adescamento online e dell’importanza della sicurezza della privacy. "Una vita da Social ha un solo grande obiettivo – si legge in una nota della polizia di stato - fare in modo che i gravissimi episodi di cronaca, culminati con il suicidio di alcuni adolescenti ed il dilagante fenomeno del cyberbullismo e di tutte le varie forme di prevaricazione connesse ad un uso distorto delle tecnologie, non avvengano più".

Auditorium del Centro culturale gremito di studenti, martedì mattina, per un’altra iniziativa contro il cyberbullismo, Facciamo Rete!, organizzato in collaborazione tra Aps Ermes e associazione il Ponte. Sono intervenuti: i dirigenti scolastici dei tre istituti comprensivi, il comandante la compagnia carabinieri, capitano Dario Russo. "Prima di qualsiasi terapia serve una corretta diagnosi e questo convegno serve proprio perché i sintomi del problema siano noti – ha osservato il sindaco Andrea Cereser - Non è sufficiente mettersi in rete, ma serve un’alleanza verso un unico obiettivo, che è la salvaguardia dei minori, ma anche la condivisione di un patrimonio di valori comune".

Mercoledì 22 febbraio alle 20.30, nell’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo Onor, Facciamo Rete! Genitori, dedicato ai genitori degli studenti dei tre istituti comprensivi coinvolti, che ha l’obiettivo di informare le famiglie circa quanto emerso durante il convegno e di stimolare condivisione e discussione rispetto alle problematiche relative alle nuove tecnologie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Mestre

Avviata la riqualificazione di piazzale Cialdini con il nuovo ponte sull'Osellino

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Marchio Igp per il vetro di Murano e il merletto di Burano

  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento