menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calci e pugni ai poliziotti, poi ingoia due ovuli di eroina

Lo spacciatore, un 39enne nigeriano, era stato fermato dalla Municipale. Gli agenti delle volanti hanno stretto le manette ai polsi dell'esagitato

È stato sorpreso a cedere una dose di marijuana in via Rizzardi a Marghera da una pattuglia della polizia locale. Quando gli agenti delle Volanti che transitavano di lì si sono fermati per monitorare la situazione, l'uomo, un nigeriano di 39 anni, ha cominciato ad urlare e minacciare i poliziotti, gettando un involucro nel giardino privato di un'abitazione. Poi è diventato più aggressivo, scagliando calci e pugni all'indirizzo degli uomini in divisa, per eludere il controllo. A quel punto l'esagitato, che era stato puntato precedentemente dal cane antidroga della Municipale, è stato arrestato.

Minacce e aggressioni agli agenti

Anche negli uffici della questura il pusher ha continuato nel suo atteggiamento violento. Ma non solo. Ha infatti ingoiato un ulteriore involucro, di piccole dimensioni, probabilmente in un momento in cui pensava di non essere osservato. L'uomo è stato quindi condotto all'ospedale, dove sono stati recuperati due ovuli termosaldati contenenti 2 grammi di eroina. Il pm di turno, valutate le circostanze, ha disposto la denuncia in stato di libertà per il 39enne.

Spacciatore fermato a Mestre

Nel pomeriggio di ieri, invece, un equipaggio della squadra volanti ha notato lungo via Ariosto a Mestre un ragazzo e una ragazza intenti in uno scambio, verosimilmente di stupefacente. Alla vista degli agenti, i giovani hanno cercato di dileguarsi, allontanandosi in direzioni opposte. Dopo un breve inseguimento, i poliziotti sono riusciti a fermare il presunto spacciatore, un 25enne nigeriano, lungo via Dante. Condotto in questura, nel corso della perquisizione personale è stato trovato in possesso di 70 euro occultati negli slip, considerato possibile provento dell'attività di spaccio. Ulteriori accertamenti hanno fatto emergere come il ragazzo fosse già destinatario di due fogli di via obbligatorio, con divieto di ritorno nei comuni di Venezia e Bologna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento