menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ai nastri di partenza la 43. edizione della Vogalonga: stop a barche a vela e a motore

L'ordinanza di regolazione del traffico acqueo è stata emanata dal settore di gestione degli eventi del Comune di Venezia. L'appuntamento con la manifestazione domenica 4 giugno

La 43. edizione della Vogalonga è al via, con numeri da capogiro: 8mila iscritti, e la necessità di chiudere ben prima della scadenza la possibilità di iscriversi alla competizione. Come di consueto, per permettere il normale svolgimento della manifestazione, è statat emanata l'ordinanza che regola il traffico acqueo, dal settore Programmazione e gestione degli eventi e Tutela delle tradizioni del Comune di Venezia. Il provvedimento prevede il divieto di navigazione per i mezzi a motore e a vela in Canal Grande di Murano (Canale degli Angeli, Canale del Ponte Longo e Canale di S. Giovanni dei Battuti), dalle 10 alle 14 e in Canale di Cannaregio e in prosecuzione nel Canal Grande, tra la confluenza con Canale di Cannaregio e Punta della Dogana, dalle 10 alle 15.

TUTTI I DETTAGLI SULLA 43. VOGALONGA

Sospesa, dalle 10 alle 15, la circolazione dei mezzi Actv in servizio pubblico di linea in Canale di Cannaregio e Canal Grande (tra il canale di Cannaregio e Punta della Dogana) e in Canal Grande di Murano dalle 10 alle 14. Fino alle 11 e dopo le 15.30 viene consentito ai traghetti gondola lo svolgimento del servizio pubblico di trasporto persone con gondola da parada. In Canal di Cannaregio e in Canal Grande, nel tratto tra le fermate Actv di Riva di Biasio e di Calle Vallaresso, dalle 8 alle 9, le unità in servizio pubblico di linea dovranno procedere a velocità ridotta ed eventualmente sostare brevemente agli approdi in attesa del passaggio delle imbarcazioni dei partecipanti dirette alla linea di partenza.

Nelle fasce orarie di libera circolazione, diverse da quelle di chiusura al traffico, il transito delle unità a remi condotte dai vogatori “all'inglese”, particolarmente ingombranti e di ostacolo alla navigazione delle altre unità, è vietato in Rio Novo-di Ca' Foscari e nei rii Marin, S. Giacomo dell'Orio, S. Agostin, S. Polo e di S. Zan Degolà; in Canal Grande, Canal Grande di Murano e Canale di Cannaregio è consentito solo con imbarcazioni in fila indiana, rispettando la precedenza alle unità dei servizi di trasporto pubblico. Viene autorizzato il percorso a nuoto del Canal Grande da parte dell'atleta che si immergerà dal pontile gondole della Ferrovia “Scalzi” alle 10.30 circa fino all'arrivo, dopo circa un'ora, davanti alla chiesa della Salute. Il nuotatore dovrà procedere sempre accostato il più possibile alla sponda destra del canale; dovrà essere preceduto o seguito costantemente da una o due unità d'appoggio a remi, per assistenza e segnalazione, che potranno affiancarsi solamente in caso di particolari necessità, oltre che durante le fasi di partenza e arrivo.

Infine, nel Canale di Cannaregio, dalle 9 alle 15, è vietata la sosta e l’ormeggio alle due fondamenta di qualsiasi natante, fatta eccezione per quelli dei concessionari di spazio/specchio acqueo; vengono inoltre temporaneamente sospese, durante la stessa fascia oraria, le occupazioni di spazio acqueo su entrambe le sponde sotto le arcate laterali di Ponte dei Tre Archi ed addossate al ponte nei due versanti; viene infine autorizzato il posizionamento di dispositivo di delimitazione del settore navigabile, costituito da boe collegate da cordini, a partire dai due pilastri del varco centrale di Ponte dei Tre Archi in direzione di Ponte delle Guglie, fino alle sponde di Fondamenta di Cannaregio e Fondamenta San Giobbe, e nella stessa area è consentita la sosta operativa delle unità di servizio e vigilanza secondo le indicazioni degli organizzatori

Approfondimenti
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento