menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piazza San Marco vuota

Piazza San Marco vuota

In attesa di Dpcm e ordinanze, il Veneto si interroga sul suo colore: arancione o rosso?

Il report dell'Iss del 5 gennaio chiarirà l'andamento dell'Rt in Italia, ad oggi superiore a 1 in Veneto. Ricciardi chiede di estendere di un'altra settimana l'area rossa a tutta la penisola

Dopo l'Epifania sono in arrivo un'ordinanza del ministero della Salute Roberto Speranza, un decreto legge e un nuovo Dpcm che porteranno nuove regole e divieti in tutta Italia. Il 7 gennaio scadono le restrizioni decise dal decreto Natale, che hanno portato tutta Italia in zona rossa e arancione, mentre il 15 non saranno più in vigore gli effetti del Dpcm 3 dicembre.

Come riporta Today, per il Governo di Giuseppe Conte si prospetta un lungo lavoro di legislazione che dovrà tenere conto dei numeri dell'epidemia di coronavirus e degli effetti delle restrizioni durante le festività di Natale 2020. Con il punto interrogativo della scuola, che riprenderà in presenza al 50%.

Zona gialla, arancione o rossa

Il 7 e il 15 gennaio saranno i due giorni chiave: dopo l'Epifania il governo ripristinerà il sistema delle zone gialle, arancioni e rosse in tutto il Paese assegnando un colore ad ogni Regione. Lo strumento per farlo sarà con tutta probabilità un'ordinanza del ministero della Salute che deve essere promulgata entro il 6 gennaio: il ministro della Salute in un'intervista rilasciata prima di Capodanno ha dichiarato che il sistema ha funzionato e quindi verrà ripristinato. Ma a quali regioni toccheranno le zone con maggiori restrizioni? La sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa ha pronosticato che tutto il paese sarà in zona gialla, mentre il consigliere del ministro Walter Ricciardi ha chiesto esplicitamente di prorogare le limitazioni della zona rossa fino al 15.

Al di là delle opinioni dei membri del Governo e di quelle degli esperti, i dati del bollettino della protezione civile dicono che la discesa è ancora lontana, e in particolar modo a livello regionale, la curva dei contagi e dei ricoveri (anche in terapia intensiva) continua a seguire un trend costante. L'ultimo bollettino di Azienda Zero (riferito alle 17 di domenica) registra 1548 nuovi casi di contagio in Veneto, 298 dei quali in provincia di Venezia. In Regione, invece, il numero ha toccato quota 93.379. Rispetto alle 8 di domenca, si contano 13 decessi in più nella sola provincia di Venezia.

Il nuovo report Iss in arrivo il 5 gennaio

Il nuovo report Iss (Istituto superiore di sanità) arriverà il 5 gennaio. Osservate speciali sono le sei regioni dove i contagi sono di nuovo in crescita e per cui bisognerà monitorare la tenuta delle strutture sanitarie, tra queste anche il Veneto, che secondo l'agenzia di stampa Agi rischia la zona rossa alla pari delle altre Regioni con Rt superiore a 1: Liguria e Calabria. Secondo l'ultimo monitoraggio del 30 dicembre ci sono altre criticità per il Veneto, con una probabilità superiore al 50% di superare in 30 giorni la soglia critica di occupazione dei posti letto nelle terapie intensive.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento