menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Campo Bella Vienna sabato sera

Campo Bella Vienna sabato sera

In tanti in città e al mare. Molti all'aperitivo sabato. Oggi la replica

Complici sole e temperature da primavera avanzata la città anche in questo weekend è tornata a riempirsi di visitatori. Assalto alle spiagge: code in uscita da Jesolo in serata. Code sul ponte della Libertà in direzione Venezia domenica mattina

Temperature miti e sole come a primavera avanzata. Venezia si è ripopolata di visitatori e turisti, sabato, le spiagge a Jesolo hanno fatto registrare le code consuete in uscita verso sera, mentre in centro storico i bar a Rialto e in campo Bella Vienna erano pieni di giovani nel pomeriggio. Domenica è attesa la replica, anche se l'aria fresca ha fatto scendere di qualche grado i termometri al momento, riportandoli più in linea con le temperature del periodo. Sotto un video degli aperitivi sabato (di Giorgio Maddalena).

Domenica mattina prima delle 11 registrate code e rallentamenti da Actv verso piazzale Roma e Tronchetto, con ritardi per le corse automobilistiche e tranviarie per incolonnamenti sul ponte della Libertà verso Venezia. È in vigore anche in questo fine settimana l'ordinanza per evitare situazioni di assembramento che possano aggravare il quadro pandemico locale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Pd veneziano ha commentato così la situazione: «A noi non piace l'idea di una Venezia deserta con le attività economiche in ginocchio, ma così non va proprio. Decine e decine di persone ammassate davanti ai bar e assenza pressoché totale di controlli. Oggi si replica con code di 4 km sul ponte della Libertà, parcheggi pieni, calli e campi intasati. Senza porre dei limiti il rischio è che si chiuda nuovamente tutto, mettendo ancora più in difficoltà l'economia cittadina già allo stremo. Le immagini di questi giorni sono l'ennesima dimostrazione che sono stati persi 6 anni per programmare la gestione dei flussi. Non è pensabile ritornare alle invasioni incontrollate».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento