menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allarme dei sindaci per il decreto governativo sui rifiuti: "Bollette in aumento per i cittadini"

Preoccupazione per gli effetti di un provvedimento in via di approvazione che rischia di creare uno squilibrio nei costi a carico della cittadinanza: "Favorita la grande distribuzione"

Sindaci e Veritas contro il nuovo decreto governativo che potrebbe fare aumentare le spese di smaltimento dei rifiuti a carico dei cittadini. A lanciare l'allarme sono proprio gli amministratori dei Comuni dell’area metropolitana di Venezia, nei quali Veritas (di cui sono soci) gestisce il ciclo integrato degli scarti e che fanno parte del Bacino Venezia Ambiente. Una lettera è stata inviata al presidente del Consiglio e al ministro dell’Ambiente per segnalare "i rischi dell’imminente decreto sull’assimilazione dei rifiuti".

"Aumento dei costi per le famiglie"

"Il provvedimento - riassume la società multiservizi - dovrebbe in sostanza sottrarre superfici imponibili dal calcolo della tassa/tariffa sui rifiuti. L’effetto sarà una riduzione delle superfici con un prevedibile aumento dei costi a carico delle famiglie e delle categorie che non beneficeranno del provvedimento". Secondo le previsioni dei sindaci e di Veritas, "rimarranno stabili alcuni servizi e i relativi costi (la pulizia e lo spazzamento stradale, ad esempio) ma si ridurrà il numero dei contribuenti, quindi il gettito sarà diviso per un minor numero di utenti".

"Vantaggi solo per la grande distribuzione"

I sindaci quindi esprimono preoccupazione per un atto legislativo "finalizzato ad avvantaggiare i soliti gruppi di pressione, quali possono essere la grande distribuzione, alcune categorie produttive e le associazioni di categoria. Questo decreto, atteso da 11 anni, anziché portare all’auspicata semplificazione di una normativa molto complessa, quale quella della Tari, appare destinato a rendere sempre più confusa e farraginosa la gestione del tributo locale".
Veritas conclude: "Dalle prime simulazioni effettuate, in un territorio come il nostro, denso di centri commerciali, super e ipermercati, l’effetto di questo decreto sarà lo spostamento di una parte dei costi sugli utenti che non beneficiano dell’assimilazione, facendo di conseguenza aumentare le loro bollette".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento