menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Murano, allarme vetro contraffatto: "Il 70 per cento è taroccato"

La denuncia non è nuova, ma i falsi in circolazione stanno raggiungendo livelli record. Promovetro propone un bollino di qualità da verificare con smartphone

È una lotta senza sosta. La contraffazione del vetro di Murano si diffonde come una piaga, il consorzio Promovetro ancora una volta fa il punto della situazione e denuncia: il 70 per cento dei prodotti in commercio a Venezia è fasullo; il danno d'immagine, ancor più di quello economico, è incalcolabile. Per questo, come riporta la Nuova Venezia, si cercano nuove strade a garanzia dei produttori.

Il marchio del vetro originale esiste: è stato attribuito a norma di legge, è proprietà della Regione Veneto ed è in gestione al consorzio Promovetro che lo dà in concessione alle aziende di Murano che rispondono ai requisiti. Il problema è che poi, nei negozi, anche prodotti realizzati fuori dall'isola riportano la dicitura in modo fraudolento.

Luciano Gambaro, presidente del consorzio, sottolinea comunque come il 2014 sia stato un anno positivo perché si è riusciti a far comprendere i disagi causati dalla contraffazione, a raggiungere e informare molte persone anche grazie ai profili social: il più seguito ha 100 mila followers.

Ora c'è la proposta di un nuovo bollino informatizzato, per contrastare l'azione dei furbi: quando entrerà in vigore, basterà uno smartphone per risalire la filiera del prodotto e capire se è davvero originale. Nel frattempo il consorzio ha commissionato uno studio sul settore, i cui risultati arriveranno a breve.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento