menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viaggi all'estero consentiti a Pasqua, Aja: «Mazzata per le nostre imprese»

Il presidente Maschio sulle indiscrezioni del prossimo decreto: «Concorrenza sleale». L'appello al governo

«Ancora una volta si considera come Cenerentola quello che è una delle principali forze trainanti dell’economia italiana: il turismo. Quanto emerso nell’ultimo Dpcm è un’altra mazzata per le nostre imprese ed uno schiaffo morale per chi opera in questo settore e da mesi lotta per non chiudere». Il presidente Aja e coordinatore di Federalberghi Spiagge Veneto, Alberto Maschio, è adirato per quanto emergerebbe nell’ultimo Dpcm di inizio marzo. La notizia, rimbalzata a livello nazionale e che ha trovato la forte indignazione anche del presidente di Federalberghi nazionale, Bernabò Bocca, è che non vengono vietati i viaggi di turismo all’estero, ma si consentono gli spostamenti tra regioni ed aree rosse se finalizzati a raggiungere un aeroporto da dove si deve partire per turismo, o una nave in partenza per una crociera. E per questi viaggi basta un tampone all’andata e uno al ritorno.

«Concorrenza sleale»

«Siamo di fronte ad una concorrenza sleale – continua Maschio – peraltro perpetrata dal nostro Governo che dovrebbe, invece, tutelare il nostro turismo, gravemente in sofferenza e che sta rischiando di perdere molte aziende e migliaia di lavoratori. Se è vero che le persone vaccinate o con tampone negativo sono a basso rischio di contagio allora questa logica deve essere applicata anche ai viaggi in Italia, così come alla possibilità di frequentare terme, impianti di risalita, riunioni, congressi e manifestazioni fieristiche». Il turismo in Veneto genera circa 18 miliardi di euro di fatturato, pari al 10 per cento del Pil e il 18 per cento dei consumi interni, oltre a mezzo milione di posti di lavoro. Nel settore ricettivo alberghiero, la costa veneta dà lavoro a 12mila lavoratori circa, distribuiti su 722 hotel (360 dei quali a Jesolo).

Appello al Governo

Si unisce al risentimento il presidente del Consorzio JesoloVenice, Luigi Pasqualinotto. «Proprio in questi giorni stiamo concludendo la prima parte del progetto di marketing e comunicazione che vedrà impegnata la città nei prossimi tre anni: ma se, dalla parte pubblica, nella fattispecie dal Governo, non si lavora per lo stesso obiettivo, ovvero tutelare il turismo di casa nostra, tutti gli sforzi che stiamo facendo, noi a Jesolo come nelle altre località e realtà turistiche, rischiamo di vanificare progettualità e risorse». Maschio si appella al ministro del turismo, Massimo Garavaglia «affinchè intervenga quanto prima perchè si facciano quei provvedimenti che tutelino e aiutino il turismo italiano a risollevarsi. Il premier Mario Draghi qualche giorno fa diceva di sperare di andare presto in vacanza: voglio pensare intendesse in Italia».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento