Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

«Nel weekend piccoli assembramenti, c'è chi pensa ancora che il virus non esista»

Il governatore Luca Zaia ha sottolineato che l'incidenza di positivi su tamponi effettuati è bassa, ma allo stesso tempo è innegabile che il virus circoli e ci sia pressione sugli ospedali

Il punto stampa di oggi del presidente del Veneto Luca Zaia, dalla sede della protezione civile di Marghera, si è aperto con una preghiera: «Non dobbiamo fermarci a guardare i numeri assoluti». Il riferimento è, naturalmente, ai positivi al coronavirus nella nostra Regione. Sono due i dati che il governatore ha chiesto, anche a livello nazionale, di valutare: la percentuale di tamponi che ogni comunità fa quotidianamente sui propri abitanti e la percentuale dei positivi su tamponi effettuati, che in Veneto è del 6,93%. Un'incidenza giudicata bassa.

«La pressione è evidente»

Nonostante questo, «negli ospedali la pressione è visibile», ha sottolineato Zaia. Le terapie intensive occupate negli ospedali veneti sono 572, 50 in più rispetto al picco massimo di marzo. Anche in questo caso il dato va interpretato: in primis il numero odierno è infatti la somma di pazienti covid (più di 300) e non covid, in secondo luogo durante il lockdown il numero dei politraumatizzati, per forza di casi, era nettamente inferiore rispetto a quello attuale.

Non è mancato l'ammonimento a chi ancora, nonostante il virus circoli e ci siano restrizioni, continui a fare ciò che vuole. «Anche in questo fine settimana mi sono arrivate delle foto, c'è chi pensa che il virus non esista. Non a livello delle scorse settimane, ma qualche piccolo assembramento c'è stato».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Nel weekend piccoli assembramenti, c'è chi pensa ancora che il virus non esista»

VeneziaToday è in caricamento