Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Zaia: «I dati confermano l'effetto dei vaccini. Ora abbiamo 200mila dosi disponibili»

Nuovo appello a vaccinarsi approfittando dei tanti posti liberi da qui all'8 settembre. «Il tasso di ospedalizzazione è basso, ma attenzione alla diffusione a livello internazionale della nuova variante Beta»

L'attuale fase dell'epidemia «si conferma poco aggressiva dal punto di vista ospedaliero»  e questo «evidenzia l'effetto dei vaccini». Ma il virus continua a circolare. «Al momento in Veneto la quasi totalità dei casi è in variante Delta», mentre «sembra esserci una novità sul panorama internazionale» che sta crescendo, quella della variante Beta. A dirlo è il presidente della Regione Luca Zaia nel corso del punto stampa di lunedì dalla sede della protezione civile di Marghera. Un'occasione anche per fare un nuovo appello a vaccinarsi: «Abbiamo 200mila posti liberi da qui all'8 settembre - ha ricordato - In questo momento vedo un calo delle prenotazioni, che immagino sia dovuto alla stagione estiva. Pertanto faccio appello ai cittadini: invito chiunque intenda vaccinarsi a farlo adesso, perché in questo momento ci sono posti in agenda» evitando il rischio che, con l'arrivo dell'autunno, ci sia una corsa al vaccino con conseguente allungamento dei tempi di attesa.

Il governatore ha dato un aggiornamento sulla percentuale dei vaccinati (tra vaccini già effettuati e prenotati): con le prenotazioni attuali, «all'8 settembre avremo il 75,3% di popolazione veneta che ha ricevuto almeno una dose. L'obiettivo è arrivare all'81-82% per ottobre, momento in cui potrebbe verificarsi un "ritorno di fiamma" dell'epidemia, anche causato dall'inizio delle scuole». Nel dettaglio, la previsione è che a settembre la fascia di età 12-19 anni sia protetta al 49%, quella 20-29 al 68%, 30-39 al 63%, 40-49 al 68% e poi a salire, con un 99% di immunizzati tra gli ultraottantenni. «L'immunità di gregge si va raggiungendo», ha riepilogato Zaia, ricordando che in vista della riapertura delle scuole il vero target è rappresentato da insegnanti e operatori scolastici: «Chi lavora a scuola deve vaccinarsi - ha detto - in Veneto, per questa categoria, siamo all'81-82%. Faccio appello a loro di valutare seriamente di fare la vaccinazione».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia: «I dati confermano l'effetto dei vaccini. Ora abbiamo 200mila dosi disponibili»

VeneziaToday è in caricamento