La linea della Regione: nidi e materne aperti il 4 maggio. Ma si attende la risposta del governo

Ieri il confronto tra Anci, Fism, Assonidi e parti sanitarie. L'assessore Lanzarin ha spiegato che strutture accreditate, seguendo precise linee guida, potrebbero aprire

La ripartenza non può prescindere dalla riapertura di asili nido e scuole materne. L'ha detto a più riprese il governatore Luca Zaia, l'ha ribadito anche l'assessore alla Sanità Manuela Lanzarin. Se una ripresa deve esserci in tempi brevi, infatti, i genitori dovranno tornare sul posto di lavoro, nella maggior parte dei casi senza sapere a chi lasciare i figli.

Lanzarin: «Riaprire a determinate condizioni»

È stata proprio Lanzarin a sottolineare questa mattina nel corso del consueto punto stampa dalla sede della protezione civile di Marghera che ieri la regione si è incontrata con Anci, Fism, Assonidi e parte sanitaria per aprire un tavolo di confronto sul segmento 0-6 anni, ossia sugli asili nido e le scuole materne. «La volontà che abbiamo espresso - ha spiegato Lanzarin - è quella di riaprire a determinate condizioni, in primis per la socialità pedagogica ed educativa, perché effettivamente i bambini stanno soffrendo per questa situazione e devono tornare secondo noi a fare i bambini. Poi ovviamente c'è la questione legata alla ripresa lavorativa e quindi alla conciliazione delle esigenze dei genitori».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La regione fa capire che seguendo delle linee di indirizzo precise e sfruttando delle strutture accreditate ci sono già i margini per riaprire. «Stiamo lavorando per trovare le misure più giuste per gli operatori, i bambini e i genitori che accompagnano e vanno a prendere i piccoli.  - ha aggiunto Lanzarin - Abbiamo pensato anche di creare gruppi più piccoli e diluiti nel corso della giornata. L'obiettivo è quello di allinearli alle riaperture, suppongo al 4 maggio. Ora però dobbiamo aspettare risposte in merito a livello nazionale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento