rotate-mobile
Cronaca San Polo / Ponte Rialto S. Marco

Renzo Rosso fatti sotto, Maggioni: "Via libera al restauro di Rialto"

L'assessore ai Lavori pubblici ha annunciato stamattina l'approvazione della delibera per la ricerca di uno sponsor disposto a spendere i cinque milioni di euro previsti per l'intervento sul monumento

Renzo Rosso se ci sei batti un colpo. Questi i "sottotitoli" della conferenza stampa odierna, in cui l'assessore ai Lavori pubblici Alessandro Maggioni ha annunciato che la Giunta ha approvato la delibera per la ricerca di uno sponsor disposto a spendere i cinque milioni di euro previsti per il restauro del ponte di Rialto. In cambio di visibilità e pubblicità, s'intende. Naturalmente, trattandosi di uno dei simboli della città, il tutto dovrà sottostare a regole "ferree". Mister Diesel dal canto suo per ora tace, aspettando che sia aperto ufficialmente il bando.


“La Soprintendenza ai Beni culturali e Paesaggistici di Venezia - ha precisato Maggioni - ha dato lo scorso 30 agosto parere positivo al piano di comunicazione in cui sono descritti i benefit concessi allo sponsor. Nei prossimi giorni, oltre alla pubblicazione del bando, avvieremo un tavolo congiunto, con  la soprintendente, Renata Codello e i suoi tecnici, per approfondire gli aspetti di realizzazione del progetto definitivo di restauro del ponte. Noi oggi iniziamo la prima vera operazione di finanziamento da parte dell'imprenditoria privata, per la manutenzione delle opere pubbliche e a brevissimo, pubblicheremo anche il bando per il ponte dell'Accademia, sperando che questa iniziativa abbia tutto il risalto che merita, vista la ormai quasi 'nullità' di risorse pubbliche disponibili.  Venezia Marketing Eventi seguirà tutta la parte legata alla comunicazione e alla sponsorizzazione e gestirà, con le altre aziende comunali, i benefit da inserire all'interno del bando. Preciso inoltre che lo sponsor sosterrà soltanto i costi del restauro, qualsiasi altra competenza (dal progetto, alla gara d'appalto, al collaudo), seguirà il normale iter della Direzione dei Lavori Pubblici, sotto la piena responsabilità dell'Amministrazione comunale. Inoltre, per mettere l'Amministrazione in totale sicurezza, lo sponsor dovrà stipulare una fideiussione, pari alla cifra del restauro.”

La procedura nel suo complesso seguirà le seguenti tappe: pubblicazione del bando entro fine settembre; sua esposizione per 60 giorni; valutazione a dicembre dei finanziatori; stipula del contratto di sponsorizzazione. Da quella data, entro 12 mesi, dovrà essere conclusa la progettazione del ponte, a cui dovranno essere aggiunti altri 6 mesi per individuazione della ditta che espleterà i lavori che dovranno terminare entro 18 mesi. Quindi nell'arco di tre anni sarà completato tutto l'iter per il restauro del ponte che rimarrà, a parte l'area in quel momento interessata dai lavori, sempre aperto sia al passaggio delle imbarcazione che al transito pedonale.

Le esposizioni pubblicitarie non potranno superare il 33% della superficie di cantiere affacciata verso l'esterno del ponte e comunque non potranno mai essere superiori a 120 metri quadri. Altra pubblicità potrà essere inserita in altre strutture pertinenti al cantiere per un totale di 180 mq per messaggi, non solo di natura pubblicitaria, ma di prevalente carattere culturale.

Sono previste ulteriori forme di comunicazione per periodi limitati di tempo per specifiche campagne di promozione utilizzando vaporetti, imbarcaderi (14 giorni all'anno) e  nel corso dei tre anni potranno essere utilizzati anche luoghi cittadini come il Teatro La Fenice (1 volta), il Malibran (1) Ca' Vendramin Calergi (4), Piazza San Marco (1) , Palazzo Ducale (2).

 

OK DALLA GIUNTA AL RESTAURO: CACCIA AGLI SPONSOR

OK ALLA PUBBLICITA' SU RIALTO, L'INIZIO DEL RESTAURO SI AVVICINA

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Renzo Rosso fatti sotto, Maggioni: "Via libera al restauro di Rialto"

VeneziaToday è in caricamento