Commissariati distaccati e controllo del territorio

Sap e Siulp scrivono al prefetto e al questore di Venezia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

«Egr. Autorità di Pubblica Sicurezza, l’ennesimo fatto di cronaca legato alla movida notturna che ha coinvolto la località balneare di Jesolo e i recenti accompagnamenti di numerosi clandestini, avvenuti in più riprese presso il Commissariato di Portogruaro, impongono una doverosa riflessione su che futuro si vuole dare ai due Commissariati distaccati di Jesolo e Portogruaro. La recente rissa avvenuta in Piazza Mazzini, solo per miracolo non ha cau-sato conseguenze drammatiche ai due operatori dell’unica volante intervenuta sul posto! Senza entrare nel merito della scelta scellerata del Dipartimento della Pubblica Sicurezza di non inviare adeguati rinforzi per la stagione estiva in corso, oltre all’incomprensibile ma palese sperequazione tra gli impieghi di servizio della Croce Rossa, a discapito delle scarse pattuglie del controllo del territorio, non possiamo oggi non constatare l’effettivo disorientamento delle migliaia di giovani che frequentano le piazze delle località balneari, in naturale conseguenza delle chiusure dei principali poli di aggregazione e dei locali da ballo, trasformando l’emergenza sanitaria che sta interessando il nostro paese, in problemi di ordine pubblico a totale carico delle Forze di Polizia. Emergenza che oggi non può interessare la sola Polizia di Stato, ma deve obbligatoriamente coinvolgere tutte le risorse presenti sul territorio, procedendo ad un urgente potenziamento dei dispositivi esistenti, rinforzando il controllo coordinato del territorio nelle zone di competenza dei Commissariati distaccati, come già fatto nel periodo emergenziale della pandemia, con soluzioni condivise e concordate in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Il tutto essendo ben chiaro che oggi non ci attendiamo una risposta politi-ca, in quanto fine a sé stessa, essendo per queste OO.SS. la tutela del cittadino e l’incolumità degli operatori di polizia addetti al controllo del territorio una priorità ed una esigenza invali-cabile, rispetto ad ogni altro obiettivo di natura sindacale. In attesa di un cortese riscontro, l’occasione e gradita per porgere distinti saluti, riservandosi azioni di protesta in mancanza di adeguate risposte, con continue esposi-zioni a inutili rischi da parte degli operatori di polizia e dell’intera cittadinanza». I segretari provinciali Siulp Sap

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento