menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Vela per tutti": una passerella accessibile anche ai disabili per guidare le imbarcazioni

Il Comune ha messo sul piatto un contributo economico per permettere di concludere il progetto

Uno specifico pontile per permettere alle persone disabili di provare l'esperienza di una conduzione di una barca a vela nella laguna di Venezia. Si tratta del progetto "vela per tutti", che ha trovato l'appoggio del Comune. La giunta ha infatti deliberato la concessione di un contributo a favore della Lega navale italiana, sezione di Venezia, per la realizzazione del progetto. Dal 2015 a oggi, circa 80 persone con diversa disabilità (a seguito di diagnosi di ictus, sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica, trauma cranio encefalico, trauma spinale, sindrome di down, sindrome di Guillain-Barrè, distrofia muscolare) hanno potuto navigare in laguna seguite da operatori specializzati e volontari della Lega Navale Italiana. L'accesso all'attività avviene, a titolo gratuito, su indicazione del Servizio di riabilitazione dell'Ospedale San Camillo o del Servizio Disabili o su iniziativa autonoma delle persone con disabilità e viene concordato con i volontari della Lega.

"Attenti allo sport accessibile"

“L’amministrazione comunale – ha dichiarato l’assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini - è attenta ai temi dell'inclusione sociale e dello sport accessibile. Per queste ragioni abbiamo ritenuto di contribuire, in parte, al progetto di realizzazione del pontile senza barriere, che consentirà a numerose persone di dedicarsi all'avventura della vela. Una volta realizzato, la Lega Navale di Venezia, in accordo con i servizi del Comune, garantirà una straordinaria esperienza ai nostri concittadini”. 

Con questi soldi una passerella ad hoc

Sulla stessa lunghezza d'onda il prosindaco del Lido, Paolo Romor: "Abbiamo ritenuto importante che il Comune contribuisse a questa iniziativa, che nasce dalla virtuosa collaborazione tra l'attività dell'Istituto San Camillo e della Lega Navale e coglie l'opportunità dalla vicinanza logistica tra le rispettive strutture e dell'integrazione tra le reciproche competenze, consentendo di sviluppare un punto di riferimento, al servizio di persone colpite da varie forme di disabilità, per la pratica dello sport velico". Con questi soldi ora si potrà procedere con la costruzione di una passerella e un pontile galleggiante per favorire l'utilizzo delle imbarcazioni anche da parte di disabili. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento