Redentore senza fuochi e senza ressa

Feste e cene nel rispetto della tradizione nella sera più importante per Venezia, ritorno dei più giovani nei campi. Movimento anche nei locali fuori dal centro storico

Redentore 2020, verso sera

I «freschi notturni», le imbarcazioni con la musica in canal Grande, sabato sera ad animare una festa del Redentore con poco pubblico, in riva e in bacino San Marco, molto diversa dal solito e senza fuochi. Ad esibirsi durante la serata Batisto Coco, Josmil Neris e i Laguna Swing, Furio e gli Ska-J e i Pitura Stail. Cene e tavolate nel rispetto della tradizione, gente ma non ressa alla Giudecca nè alle Zattere e il presidio in laguna delle forze dell'ordine a controllare la situazione natanti e i movimenti a terra.

Cene e ritrovi dei più giovani

A risentire dell'assenza di turisti e visitatori nella festa più importante per Venezia, in una sera poco più che movimentata di una notte estiva ordinaria, sono gli alberghi. Il Corriere del Veneto parla di presenze dimezzate nelle strutture ricettive. Un po' meglio nei ristoranti: le prenotazioni sono rimaste, in diversi sono arrivati dalla terraferma visto il tutto esaurito nei parcheggi di piazzale Roma già dal pomeriggio. Ma nemmeno un quarto delle consuete presenze: 15 mila rispetto alle 70 mila che solito si raggiungono al Redentore, secondo la Municipale. Mancando i fuochi hanno lavorato anche i locali fuori dal centro storico con il ritrovo dei più giovani nei campi, come a Santa Margherita. Domenica ancora festa sulle spiagge, in barca o sulle isole in bicicletta.

Oltre 40 i volontari della protezione civile impegnati sabato in occasione della festa. Hanno dato assistenza e informazioni e compiuto attività di vigilanza antincendio boschivo nelle pinete del litorale, coordinati dal personale del servizio protezione civile dalla propria sede e dalla centrale operativa della polizia locale al Tronchetto; 145 gli agenti di polizia locale impegnati per garantire il rispetto delle norme. L'avvio della festa del Redentore è stato dato venerdì 17 luglio, con l’apertura del ponte votivo, realizzato da Insula, alla presenza del sindaco Luigi Brugnaro e del patriarca Francesco Moraglia. Servizi straordinari dedicati all’evento, in particolare per il deflusso dopo la manifestazione verso piazzale Roma e quindi la terraferma e per l’accesso al Lido. Una settantina le corse aggiuntive rispetto al normale servizio programmato con un livello dunque leggermente inferiore agli anni scorsi.

Gli eventi

Vela con la direzione eventi e comunicazione ha coordinato l’organizzazione della manifestazione che ha visto la presenza, per la parte dei galleggianti musicali, di 30 musicisti e 8 tecnici. Impiegati 16 steward, 8 addetti di produzione, 4 piloti e presenti al seguito degli eventi 4 addetti alla comunicazione. Anche la pulizia della città ha richiesto un impegno forte e immediato del gruppo Veritas. Sono entrati in azione dalle 20 circa 20 operatori, diventati una sessantina a partire dalle 2, con intervento proseguito fino alle 12 di domenica. A supporto, per attività di complemento, altre 30 persone del servizio Vela, con la cooperativa "Il cerchio", fino alle 2 di notte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sicurezza e l'ordine

A tutti gli operatori coinvolti è andata la riconoscenza del primo cittadino Luigi Brugnaro che ha voluto ringraziare tutte le persone che si sono dedicate con impegno e passione per la buona riuscita della festa, a partire dagli operai e tecnici che hanno realizzato il ponte, agli operatori di tutte le forze di sicurezza che hanno vigilato durante la notte, dagli addetti alle pulizie, piloti, autisti e macchinisti che hanno garantito il deflusso delle persone verso le proprie case. Non si sono registrate particolari criticità. Il programma del Redentore continua con le regate dei giovanissimi domenica su pupparini a due remi, di uomini su pupparini a due remi e infine di uomini su gondole a due remi. Il via è alle 16 nel canale della Giudecca. A chiusura dei festeggiamenti la celebrazione liturgica del Patriarca Francesco Moraglia dalla chiesa del Redentore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento