menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frecce e dardi contro gli animali nel Portogruarese, in due nei guai

Da mesi si aggiungevano segnalazioni su segnalazioni di bestiole ferite da qualche malintenzionato. Trovato un arsenale in casa di pescatori

Frecce e pallini contro animali domestici e non. Un bollettino di guerra quello che giorno dopo giorno si segnalava nel Portogruarese. Finché con ogni probabilità i colpevoli di gran parte degli atti vandalici sono stati individuati. Tutto è partito da alcune segnalazioni arrivate nei mesi scorsi da parte di alcuni cittadini della zona riguardanti il ritrovamento di animali feriti, probabilmente da frecce, lungo il fiume Lemene; in tempi e luoghi diversi erano stati anche individuati un’anitra selvatica e un germano reale con ancora i dardi conficcati. Anche nei giorni scorsi una gattina è rincasata con un dardo conficcato nella schiena in località Sindacale a Concordia Sagittaria, dove i residenti hanno segnalato anche lo sparo di pallini contro i gatti.

Il comando di polizia provinciale ha dunque intensificato i controlli, specialmente nelle ore serali e notturne, anche con auto civetta e in abiti civili, nelle zone segnalate; martedì sera, nel territorio di Fossalta di Portogruaro, verso le 22.30, gli agenti hanno notato un’auto che sostava nei pressi di un allevamento di trote dismesso; sono stati identificati i due uomini che si trovavano vicino al veicolo. Che hanno detto di essere dei pescatori.

Gli agenti hanno chiesto al proprietario del veicolo, residente a Portogruaro, di visionare gli attrezzi da pesca e all’interno del bagagliaio è stato notato un pugnale e un fucile balestra con frecce aventi punte da caccia a doppia lama. Gli agenti hanno subito informato il magistrato di turno, il quale ha disposto la perquisizione del veicolo, dell’abitazione e dei diversi locali a disposizione del proprietario del veicolo. Nel corso dell’operazione sono stati rinvenuti tra l’altro 12 frecce per fucile balestra con diverse tipologie di punte, alcune decine di coltelli di varia foggia e dimensioni, una pistola ad aria compressa di libera vendita con munizioni a pallini metallici, una fionda con diverse biglie, un coltello serramanico tipo machete, un fucile balestra, un tendi corda per balestra, una piastra per limare le punte delle frecce, un set di chiavi a brugola, un acciarino in metallo, un tubetto di lubrificante e uno stick di cera per le corde balestra, una busta di plastica contenente diverse alette per frecce, due cilindri di plastica, sette punte per freccia di cui tre da bersaglio, tre da caccia a punta piatta, una da caccia a punta apribile a tre lame e sette guarnizioni circolari di cui sei in gomma e una in metallo, infine due punte avvitabili di cui una a tre lame in acciaio. Gran parte del materiale è stato sequestrato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Veneto sarà quasi di sicuro in area arancione, Zaia: «Oggi l'Rt è a 1,12»

  • Cronaca

    Ordinanza anti alcol a Venezia in vista del weekend

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento