menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rem Koolhaas, curatore della Biennale

Rem Koolhaas, curatore della Biennale

"Fundamentals", la Biennale torna a guardare alle basi dell'architettura

Il curatore dell'esposizione, l'archistar Rem Koolhaas, punta sugli elementi fondamentali della disciplina. Il presidente della Biennale Baratta: "Non c'è solo la spettacolarizzazione"

"Fundamentals" è il tema scelto dal curatore olandese Rem Koolhaas per la quattordicesima mostra internazionale di Architettura in programma a Venezia dal 7 giugno al 23 novembre 2014. Koolhaas e il presidente della Biennale Paolo Baratta hanno incontrato oggi i rappresentanti di 40 Paesi che parteciperanno alla mostra. "Fundamentals - ha dichiarato l'archistar - sarà una biennale sull'architettura, non sugli architetti".

Dopo diverse Biennali dedicate alla celebrazione del contemporaneo, Fundamentals si concentrerà sulla storia e sugli inevitabili elementi di tutta l'architettura utilizzati da ogni architetto, in ogni tempo e in ogni luogo (la porta, il pavimento, il soffitto) e sull'evoluzione delle architetture nazionali negli ultimi 100 anni.

In tre manifestazioni complementari - che si svolgeranno al Padiglione Centrale, all’Arsenale e nei Padiglioni Nazionali – "questa retrospettiva darà luogo a una rinnovata comprensione della ricchezza del repertorio di fondamenti dell’architettura, che attualmente sembra essere esaurito - ha affermato Koolhaas - le architetture che un tempo erano specifiche e locali sono diventate intercambiabili e globali. Sembra che l'identità nazionale sia stata sacrificata sull'altare della modernità".

Il presidente Paolo Baratta ha fatto il punto sull’evoluzione della Biennale Architettura, e di conseguenza sulla scelta di Rem Koolhaas: “Siamo universalmente riconosciuti come il più importante appuntamento del mondo per l’Architettura - ha dichiarato - siamo il luogo dove l’Architettura parla di se stessa e incontra la vita e la società civile. Proprio per questo negli ultimi anni siamo partiti dalla constatazione della separatezza e del divario tra la “spettacolarizzazione” dell’architettura da un lato, e della scarsa capacità di esprimere domanda ed esigenze da parte della società civile dall’altro. Gli architetti sono stati chiamati prevalentemente a realizzare opere stupefacenti e l’«ordinario» è alla deriva, verso la banalità quando non lo squallore: una modernità mal vissuta. Al culmine di questo percorso abbiamo chiesto a Rem Koolhaas di impegnarsi su questo terreno con una ricerca originale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento