Cronaca

Grandi Navi a Venezia, per Costa la soluzione migliore è il nuovo canale

Il Porto ribadisce che per risolvere il problema del passaggio delle navi da crociera in bacino San Marco resta lo scavo del piccolo canale Contorta-San Angelo, per congiungere la Marittima con il cosiddetto Canale dei Petroli

Il Porto di Venezia ribadisce che la soluzione migliore fra quelle in ipotesi per risolvere il problema del passaggio delle navi da crociera in bacino San Marco resta lo scavo del piccolo canale Contorta-San Angelo, per congiungere la Marittima con il cosiddetto Canale dei Petroli. Lo ha riaffermato oggi il presidente dell'Autorità Portuale, Paolo Costa, in occasione della riunione del Comitato portuale. "Ho registrato - ha detto Costa - la preoccupazione complessiva delle categorie produttive e dei sindacati, sorpresi dalla leggerezza con cui si è affrontata la tematica delle crociere dal punto di vista produttivo. La domanda che tutti si sono posti è se la comunità veneziana abbia veramente interesse al porto, sorpresi che si metta in discussione una delle poche cose che ancora funzionano".

Costa ha quindi rilanciato la soluzione dello scavo del canale Contorta-Sant'Angelo come quella migliore in alternativa al passaggio delle navi da crociera in Bacino San Marco. "Lo schema logico - ha detto - è chiaro: c'é un decreto che dice che le grandi navi non possono passare più davanti a San Marco e nel canale della Giudecca. Le alternative che si pongono sono due: la prima è andare da un'altra parte rispetto alla Marittima, cosa che non è possibile; la seconda è quella di trovare una soluzione alternativa per arrivare alla Marittima. La soluzione Contorta- Sant'Angelo è quella naturale migliore, ma se qualcuno ha delle soluzioni migliori, noi siamo qui".
(ANSA)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grandi Navi a Venezia, per Costa la soluzione migliore è il nuovo canale

VeneziaToday è in caricamento