menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I problemi del Mose finiscono in Parlamento, interrogazione Cinque Stelle a Delrio

I deputati pentastellati puntano il dito contro le presunte carenze strutturali dell'opera rese note in questi giorni: "Chi dovrà pagare il conto? Tutti i documenti siano resi pubblici"

“Il Movimento 5 Stelle ha sempre sostenuto che era impossibile separare la corruzione dei partiti famelici dalla realizzazione tecnica del Mose, e i fatti ci danno nuovamente ragione”: così i portavoce M5S veneti alla Camera dei Deputati Marco Da Villa, Emanuele Cozzolino e Arianna Spessotto annunciano il deposito di una interrogazione al ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, sulla divulgazione di un rapporto commissionato dal Provveditorato alle Opere Pubbliche a Gian Mario Paolucci, già docente di metallurgia all'Università di Padova: "I risultati hanno fatto saltare tutti dalla sedia - dichiarano i parlamentari - si rischia di compromettere anche il programmato completamento dell’opera entro il 2018. Le cerniere che uniscono in modo flessibile le paratie destinate ad alzarsi in caso di acqua alta e gli enormi blocchi di cemento sul fondale, per lo specialista padovano sono a rischio di corrosione elettrochimica con conseguente possibile cedimento della paratoia".

I risultati sono stati resi pubblici dai media in questi giorni: “Lo scenario adombrato dal professor Paolucci, di cui abbiamo chiesto e ottenuto la relazione, è inquietante - continuano Da Villa, Cozzolino e Paolucci - rivestimenti sommari, acciai buoni adoperati nei test del progetto ma opera poi realizzata con altri, e soprattutto tre bocche di porto su quattro che hanno i cassoni e le ‘femmine’ delle cerniere calati in acqua ed esposti al mare, senza le paratie contenenti gli anodi di zinco demandati alla protezione elettrolitica delle cerniere. Il rischio che in molti punti il Mose possa cedere in tempi brevi, è concreto", si sottolinea. Tanto più che i costi di manutenzione dell'opera non sono ancora chiari. 

Ma il chiodo su cui battono i pentastellati non punta sull’emergenza del momento: “La cortina di opacità che dall’inizio circonda un progetto di per sé molto complesso, non solo ha favorito scambi illeciti, ma aumenta di molto le probabilità che le cose siano progettate a compartimenti stagni, realizzate male e controllate peggio. La soluzione – secondo Da Villa, Cozzolino e Spessotto – non è dare pieni poteri al super-commissario di turno, ma che d’ora in avanti si renda pubblica l'intera documentazione del progetto, per permettere alla cittadinanza e alla comunità scientifica mondiale di valutare l'opera e fornire eventuali contributi.

Ed è proprio trasparenza e tempestività che i tre chiedono nell'interrogazione parlamentare al ministro Delrio: pubblicità del progetto, immediato monitoraggio della struttura, e chiarezza su chi dovrà pagare il conto e sul fatto che chi dovesse dimostrarsi responsabile dei problemi, non avrà affidate le soluzioni. “A giugno 2016 scopriamo dai satelliti dell’Ismar-CNR che i cassoni di calcestruzzo del MOSE stanno rapidamente sprofondando; il prossimo settembre, se i partiti non intervengono con una legge che noi e altri gruppi abbiamo proposto, la mannaia della prescrizione azzererà il processo sullo scandalo emerso nel 2014; adesso scopriamo che l’opera potrebbe essere già intaccata in una componente praticamente insostituibile che nel progetto doveva durare ben cento anni: la stagione del segreto e dell’insabbiamento, sia metaforico che materiale, deve chiudersi senza esitazioni”, concludono i pentastellati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento