rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca

In ospedale una biblioteca da 10mila "libri parlati" per aiutare chi non può leggere

Convenzione con il Lions Club Veneto: con un'app si potranno scaricare i titoli e, tramite auricolari, si potrà ascoltare una voce che leggerà le opere nelle strutture dell'Ulss 3

Leggere un libro in ospedale, qualsiasi libro, senza doverlo portare da casa; leggerlo ad occhi chiusi, e senza doverlo tenere aperto tra le mani mentre si è allettati: negli ospedali dell’Ulss 3 Serenissima questa piccola magia è possibile grazie a un'app: “Basta un tablet o uno smartphone – spiega il direttore generale dell’Ulss 3 Serenissima, Giuseppe Dal Ben – e il paziente ricoverato potrà ‘ascoltare’, nella sua stanza di degenza, il libro che sceglierà tra migliaia di titoli a disposizione. Una voce narrante registrata gli leggerà il libro, che potrà ascoltare attraverso normali auricolari. Davvero il modo migliore per ‘leggere ascoltando’ nelle ore del ricovero, o del trattamento, senza alcuna fatica, senza il bisogno di luci e occhiali, anche di notte. Una compagnia delicata, che porterà un po’ di sollievo e di distrazione a chi la vorrà utilizzare”.

Servizio innovativo

Gli ospedali dell’Ulss 3 Serenissima offrono questo nuovo servizio grazie alla partnership con il progetto “Libro parlato Lions”, iniziativa del Lions Club Veneto. La convenzione sottoscritta dall’Angelo mette in sostanza a disposizione dei reparti, e attraverso i reparti degli utenti, le password necessarie per accedere alla grande biblioteca dei “libri parlati” dei Lions: “La app ‘Libro Parlato Lions’ – spiega il responsabile del progetto, Andrea Mazzanti – si scarica attraverso i sistemi iOS e Android, e permette poi di accedere a quasi 10 mila libri parlati. E’ uno strumento innovativo che intende aiutare non solo le persone affette da cecità o ipovedenza, ma anche i dislessici, i disabili, gli anziani e, appunto, le persone ammalate e impossibilitate a leggere. In modo semplice, l'utente potrà entrare nell'area download, dove trova le opere suddivise e ricercabili per titolo, autore, materia, lingua, codice ISBN, anno e editore. Una volta scaricato, il ‘libro parlato’ viene ascoltato via via; l’utente può ovviamente interrompere l’ascolto al punto in cui lo si desidera, e riprendere poi più tardi  la lettura da quel punto, a piacimento”.

I primi reparti

I “Libri Parlati Lions” arrivano in queste settimane all’ospedale dell’Angelo: i primi ad offrire questa opportunità alle persone ricoverate saranno il Reparto di Ematologia, la Neurologia e la Neurochirurgia, l’Unità di Cura Intensiva Coronarica (UCIC). L’arrivo dei “Libri Parlati” all’ospedale dell’Angelo dà seguito al primo “sbarco”, avvenuto nell’Oncologia dell’Ospedale di Mirano – dove assieme alla “app” stanno arrivando anche dieci tabled donati dai Lions locali e dedicati appunto a questo servizio – così che l’Azienda sanitaria veneziana assume i “Libri Parlati Lions” globalmente, diffondendoli in modo progressivo nelle diverse strutture.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In ospedale una biblioteca da 10mila "libri parlati" per aiutare chi non può leggere

VeneziaToday è in caricamento