menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morti bianche, in provincia di Venezia più di una vittima al mese

Sconfortanti i risultati dell'ultima statistica elaborata dall'osservatorio sicurezza sul lavoro di Mestre. Nel 2014 il Veneziano detiene il triste primato in Veneto

Dieci vittime in nove mesi. Peggio che in tutto il Veneto. Sul tema delle morti bianche, evidentemente, in provincia di Venezia c'è ancora molto lavoro da fare. È il risultato dell'elaborazione dell'osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering di Mestre su dati Inail, che nel 2014 ha calcolato più di una morte al mese.

Come riporta la Nuova Venezia, succede in ogni ambiente di lavoro: principalmente nei cantieri edili, ma anche nei campi, nelle fabbriche, nel mondo dei servizi. Da gennaio a settembre, nella nostra provincia sono avvenuti dieci decessi sul totale dei 44 regionali. Le vittime erano quasi tutte over 45, eccetto una di 28 e un'altra di 32 anni; nove italiani e uno svizzero.

Il dettaglio che fa riflettere è che nel settore delle costruzioni, quello con il più elevato numero di vittime, la principale causa di morte è la caduta dalle impalcature. Al riguardo Mauro Rossato, presidente dell’osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering di Mestre, sottolinea che, nonostante siano noti e obbligatori i dispositivi di sicurezza per i lavori in quota, spesso non vengono utilizzati. Negligenze che si rivelano letali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento