menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I tentacoli della "Piovra" su Venezia, la Dia: "Le mafie sempre più infiltrate"

E' un rapporto 2012 della Direzione investigativa antimafia a tinte fosche per il nostro territorio, sfruttato per riciclaggio e per latitanze: "Hanno imparato anche il dialetto"

La "delinquenza imprenditrice di matrice mafiosa" si sta infiltrando sempre più nel Veneto e nel Veneziano, in particolare. E' un quadro a tinte fosche quello presentato nel rapporto 2012 della Direzione iinvestigativa antimafia. Uomini collusi con la malavita organizzata si muovono liberamente e costituiscono un punto di riferimento importante per i clan, che "stanno proseguendo nell'azione di infiltrazione nella realtà economico-sociale del Veneto", si legge nel rapporto.

Si rafforzano gli "avamposti", dove operano "numerosi adepti che da tempo - e stabilmente - si sono insediati al Nord, inserendosi nel locale contesto socio economico di cui hanno mutuato comportamenti, abitudini e persino il dialetto". Una metamorfosi solo di facciata, secondo la Dia: "Ciò è funzionale solo alla copertura delle attitudini criminali". D'altronde la crisi economica costituisce una ghiotta opportunità per Camorra, Mafia e 'Ndrangheta per mettere radici.

Offrendo con i suoi uomini (che si presentano in doppio petto) servizi a costi stracciati a chi invece è stritolato dai costi del lavoro e dalle tasse. Così fa la Camorra, il gruppo che ha avuto più visibilità nel Veneziano grazie ad alcune operazioni di polizia, ma la Direzione investigativa antimafia mette in guardia: "Come risulterà evidente anche dagli esiti di investigazioni ancora in corso - si legge - non può affermarsi tout court il monopolio della camorra campana in questa azione di innervamento criminale del territorio. Non deve ritenersi secondario il livello di interesse che anche le altre mafie rivolgono al Veneto".

Controllare le aziende, senza l'utilizzo delle armi, permette quindi il riciclaggio di soldi sporchi. Di più, la presenza “invisibile” di persone colluse col potere mafioso "costituisce una rete idonea a segnalare occasioni per la partecipazione a imprese illecite e a fornire supporto discreto per i latitanti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento