rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca Chioggia

Smaltimento abusivo di rifiuti, due denunce e un'area sotto sequestro

L'operazione Nucleo operativo di polizia ambientale della Guardia costiera di Chioggia. Incensurati dietro all'attività. La Capitaneria ha messo i sigilli su tutto: 500 metri quadri di terreno, tonnellate di scarti anche pericolosi e due auto

Un'area di 500 metri quadri, varie tonnellate di rifiuti e due macchine: è quanto la scorsa settimana il Nucleo operativo di polizia ambientale della Guardia costiera di Chioggia ha sequestrato alla fine di un'indagine durata alcuni mesi che ha accertato un'attività di raccolta, trasporto, recupero e smaltimento di rifiuti (pericolosi e non), condotta in mancanza delle necessarie autorizzazioni.

L’intera attività veniva svolta abusivamente da due cittadini senza rispettare le prescrizioni, per questo, al fine di bloccare l’attività illecita e l’aggravarsi delle conseguenze ambientali prodotte dalle violazioni accertate, i militari della Guardia costiera di Chioggia hanno proceduto al sequestro dell’area. Una vera e propria base logistica al cui interno venivano fatte diverse lavorazioni direttamente a contatto con il suolo, senza alcuna precauzione per l’ambiente.

I militari hanno sequestrato anche varie tonnellate di rifiuti e i due mezzi quotidianamente utilizzati per le attività non a norma. In considerazione degli illeciti penali riscontrati, in violazione al Codice dell’Ambiente, la Capitaneria di Chioggia ha informato la Procura, denunciando i due cittadini incensurati. La Capitaneria di Porto Guardia costiera di Chioggia prosegue nei controlli ambientali sui reflui civili e industriali, sul ciclo dei rifiuti e la prevenzione dagli inquinamenti a tutela del territorio, della salute, e della leale concorrenza tra le imprese. Le operazioni si sono concentrate sulle attività a rischio di elevato impatto ambientale, quali la cantieristica nautica, i rifornimenti di carburanti e le realtà lavorative che rischiano di produrre consistenti inquinamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smaltimento abusivo di rifiuti, due denunce e un'area sotto sequestro

VeneziaToday è in caricamento