Sciopero e blocco del Porto confermati, l'appello ai cittadini: «partecipate tutti»

Le sigle Filt Cgil, Fit Cisl e Uilt Uil mercoledì 7 ottobre dalle 9 del mattino alla stazione dei treni Santa Lucia di Venezia

Porto di Venezia

Sciopero del porto e blocco delle attività confermati dalle sigle sindacali regionali dei trasporti Filt Cgil, Fit Cisl e Uilt Uil che saranno con i lavoratori, gli imprenditori e i cittadini, chiamati all'appello, mercoledì 7 ottobre a partire dalle 9 del mattino alla stazione dei treni Santa Lucia di Venezia. In tanti arriveranno con i mezzi organizzati da Marghera. Non sembra esserci il corteo che era stato proposto dai sindacati in assemblea, verso il centro di Mestre.

 «Da molto tempo - scrivono i rappresentanti dei lavoratori della portualità veneziana - l’attività economica più importante della provincia è messa a rischio. Denunciamo il mancato intervento risolutivo delle istituzioni e del governo sulla manutenzione strutturale dei canali di accesso alle banchine portuali, sulle grandi navi, a distanza di 7 anni dal decreto Clini-Passera, e per il lavoro». Lo avevano detto a fine settembre e lo hanno confermato. Lo sciopero e la protesta restano le sole strade percorribili di fronte ad anni di «mancate risposte e di centinaia di cassintegrati», forse come non se ne vedevano a Marghera dagli anni '90.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Criticità importanti restano da sciogliere, secondo le sigle. Ci sono le concessioni delle società in scadenza, che senza certezze rischiano di portar via attività e posti di lavoro, in presenza di un ruolo commissariale dell'Autorità portuale che non è decisionale. Il Mose, avviato con il test di sabato, quando è in funzione impone lo stop ai traffici e al transito lagunare. E infine il Covid, che ha lasciato in molti senza stipendio. «È allarme rosso - per le sigle - imprenditoria e lavoro hanno trovato la motivazione per difendere assieme il porto. Fra questi ci saranno cooperative, lavoratori dell’indotto (spedizionieri, agenzie marittime, portabagagli, rimorchiatori, ormeggiatori, piloti, autotrasporto) e chi vive dell’attività portuale (alberghi, ristoranti, bar, vetrai, negozi, taxisti, gondolieri). «Scioperare è nei loro diritti», ha commentato il commissario straordinario del porto Pino Musolino lunedì in conferenza, confermando l'avvio degli escavi dei canali portuali. «Il funzionamento del Mose non è un problema nato ieri ma 17 anni fa». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento