menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Barriere e dispiegamento di forze dell'ordine: 32. Maratona all'insegna della sicurezza

Incontro venerdì mattina in prefettura alla presenza dei tecnici della questura per limare gli ultimi dettagli del piano di sicurezza e prevenzioni. Saranno 450 i volontari in servizio

Come per la recente Mostra del Cinema, la macchina della sicurezza in laguna è pronta per il via alla 32esima Maratona di Venezia, che si terrà domenica mattina a partire dalle 9.30. Il punto della situazione è stato fatto venerdì mattina in prefettura, alla presenza dei tecnici della questura: coinvolgerà tutte le componenti del sistema di sicurezza, che ancora una volta prevede un potenziamento delle misure di prevenzione in termini di security e safety. In linea con le indicazioni ministeriali.

La 32. Maratona

Barriere di difesa e COM

L'ente organizzatore ha predisposto un piano di sicurezza "ad hoc" che prevede, nei punti ritenuti sensibili, l'installazione di barriere di difesa e la presenza degli operatori delle forze dell'ordine e delle polizie locali, nonché dei volontari della protezione civile. L'evento di portata internazionale avrà un rilevante impatto sul territorio metropolitano per quanto concerne la viabilità cittadina ed extra urbana, con deviazioni e percorsi alternativi, per cui è stato istituito il COM (Centro Operativo Misto), nella sala operativa interistituzionale di protezione civile, coordinato dalla Prefettura, che costituirà il punto di collegamento con i COC (Centri Operativi Comunali) attivati dai Comuni interessati dalla manifestazione e la cabina di regia per gli interventi, in caso di emergenza.

Modifiche alla viabilità

Punti di assistenza sanitaria

Per quanto riguarda l'assistenza sanitaria, verrà attivato un centro alla sede della Croce Verde. La manifestazione, giunta alla 32^ edizione, coinvolgerà quest'anno circa 8mila atleti, tra cui alcuni fra i più famosi maratoneti internazionali, lungo un percorso di 42,195 chilometri, che si articolerà nei Comuni di Stra, Fiesso d'Artico, Dolo, Mira, per concludersi nello splendido scenario di Riva dei Sette Martiri del centro lagunare. L'imponente macchina organizzativa si avvarrà, come di consueto, del contributo delle forze dell'ordine, con la collaborazione di circa 450 volontari della protezione civile, coordinati dalla Regione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento