Si blocca un flessibile, si accende di notte la torcia del Petrolchimico

L'episodio nella notte tra sabato e domenica ha determinato diverse telefonate di residenti preoccupati. I vigili del fuoco: "Tutto sotto controllo"

Le telefonate sono fioccate nella notte tra sabato e domenica dai residenti di Marghera e dintorni, come spesso accade quando le torce del Petrolchimico iniziano a illuminare l'oscurità circostante. Anche questo ultimo episodio, rimasto sempre sotto controllo, non ha costituito eccezione. A un certo punto il sistema di sicurezza dello stabilimento ha messo in funzione la torcia.

La mattina di domenica sono continuati gli accertamenti dei vigili del fuoco per stabilire le cause che hanno portato alla necessità di mettere in funzione il sistema. L'ipotesi più accreditata al momento è che alla base possa esserci stato il malfunzionamento o il blocco di un compressore. Fatto sta che gli operatori sottolineano come non ci sia nulla di cui preoccuparsi. Solo quattro giorni fa la torcia CB1 era entrata in funzione per tutta la giornata. In quel caso si è trattato di un fenomeno ampiamente programmato: dalle 7 di giovedì e per circa le 24 ore successive, la torcia è entrata in funzione per l'avviamento di alcuni impianti dopo una loro fermata per manutenzione annuale. Il gas inviato a combustione era una miscela di metano e ammoniaca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus: l'ordinanza per i Comuni colpiti del Veneto

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Coronavirus: quali sono i sintomi e come comportarsi in caso di contagio

  • Coronavirus: «Tutti gli ospedali si preparino»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento