menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bullismo e violenza, nasce un network contro il disagio giovanile

L'iniziativa è dell'Ulss10, azienda sanitaria del Veneto orientale. Una squadra d'esperti cercherà di aiutare i ragazzi alle prese con problemi

"Sono sempre più frequenti i comportamenti giovanili aggressivi. Verso gli altri e verso se stessi". A dichiararlo è l'Ulss10, l'azienda sanitaria del Veneto orientale, che quindi ha deciso di mettere sul piatto energie e risorse per tentare di arginare una spirale che spesso ha fatto capolino sulle cronache. Per questo motivo è stato costituito una sorta di network in cui collaboreranno tutti gli specialisti che da anni sono impegnati contro il bullismo e il disagio giovanile. Si tenteranno di mettere a punto percorsi specifici per aiutare i ragazzi alle prese con problemi del genere a uscirne. "Sono in aumento gli episodi di violenza, di abuso di alcol, di consumo di droghe e più in generale episodi di disagio giovanile - continua l'Ulss10 - Vogliamo creare le premesse affinché i giovani, che saranno i cittadini del futuro, non restino soli nell’affrontare le difficoltà in cui si trovano".

La sede del "coordinamento per le iniziative di contrasto al disagio giovanile", affidato al responsabile del Centro di salute mentale dell'Ulss, Gianfranco Bonfante, e alla responsabile del servizio "Promozione ed educazione alla Salute", Alessandra Favaretto. Ne faranno parte anche gli esperti Maria Carla Midena, Pierandrea Salvo, Dino Maschietto, Stefano Peretti, Maria Gavioli, Luigi Nicolardi, Diego Saccon e Tiziano Sartor.

“Considerato che il disagio è un vissuto giovanile che deriva dalla percezione di un malessere – commentano il direttore generale, Carlo Bramezza, e il direttore dei Servizi sociali e della Funzione territoriale, Maria Carla Midena - l’azienda intende coinvolgere nel progetto, in maniera primaria, i giovani, utilizzando tutti gli strumenti di comunicazione e relazione più appropriati per il raggiungimento dell’obbiettivo. Successivamente verrà coinvolta la rete delle istituzioni pubbliche”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento