menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna all'università Ca' Foscari la giornata dedicata alla ricerca sulle cellule staminali

L'evento, nato otto anni fa da un'idea della Statale di Milano, si terrà l'11 marzo a partire dalle 9. Venezia è tra le 30 città europee coinvolte, ed ospiterà relatori internazionali

La libertà di studiare, di ricercare e formare le proprie opinioni su fatti e su informazioni scientificamente corrette. È questo il tema centrale dell’UniStem Day di venerdì 11 marzo, giornata di divulgazione della ricerca sulle cellule staminali, rivolta interamente agli studenti delle scuole superiori. Venezia è tra le 30 città italiane coinvolte per un totale di 35 Atenei e centri di ricerca, tra cui Ca’ Foscari, cui si aggiungono 28 università europee e una platea che quest’anno raggiungerà il numero record di 27mila studenti delle scuole superiori.

L’appuntamento veneziano è alle 9 al Campus Scientifico di Mestre. In occasione dell’UniStem Day si terrà un’edizione "speciale” dell’Open Day dell’Area Scientifica e Tecnologica di Ca' Foscari, durante la quale gli studenti potranno assistere alle presentazioni dei corsi di laurea, confrontarsi con i docenti, visitare i laboratori didattici e informarsi su cosa significa studiare a Ca’ Foscari. L'evento è organizzato in collaborazione con alcuni alumni cafoscarini, che racconteranno la loro esperienza nel mondo del lavoro.

L'UniStem Day, nato alla Statale di Milano nel 2009 e arrivato alla sua ottava edizione, è il più grande evento di divulgazione scientifica sul tema a livello europeo. Quest’anno parteciperanno Atenei e Istituti di Ricerca in numerosi Paesi del vecchio continente: oltre a Italia, Spagna, Regno Unito e Svezia, per la prima volta si sono aggiunte anche Serbia, Danimarca, Polonia e Germania. Una grande manifestazione che vedrà oltre 400 relatori e organizzatori coinvolti. Sarà una grande occasione per diffondere e valorizzare la conoscenza scientifica e la ricerca, assumendo il tema delle cellule staminali come spunto. Non saranno solo seminari e lezioni, ma anche filmati, visite ai laboratori ed eventi che associano arte e scienza, come show teatrali e concerti: un intreccio di saperi, con la collaborazione di scienziati, ricercatori, studenti e tante altre figure professionali, per diffondere la passione per il metodo della scienza, che attraverso ricerche controllate riduce l’incertezza su com’è fatta e funziona la natura.

Il tema di quest’anno sarà la libertà di studiare, quindi libertà di conoscere. Libertà di usare prove e controlli per distinguere le mere opinioni dai fatti. “Forti nel ponderare, fermi nel criticare, indisponibili a mentire, sempre”: questo il messaggio chiave del filmato iniziale dell’evento che sarà trasmesso alle 9 in tutte le sedi d’Italia e Europa per le migliaia di giovani studenti che affolleranno le aule universitarie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento