rotate-mobile
Cronaca

Ulss 3, da giugno 37 casi confermati di West Nile. Quattro i decessi

Diciassette persone hanno contratto il virus in forma grave, sviluppando patologie neuro-invasive che hanno necessitato di cure ospedaliere

Da giugno sono arrivati a quota 37 i casi confermati di virus del Nilo, contratto da esseri umani, all'interno del territorio dell'Ulss 3. Di questi, 7 persone sono prive di sintomi. Si tratta di donatori di sangue, e la loro condizione è stata rilevata grazie ai controlli che vengono quotidianamente fatti, proprio sul sangue prelevato, dal centro trasfusionale dell'azienda sanitaria veneziana.

Gli altri 30 soggetti hanno invece sviluppato i sintomi: 13 di loro in forma lieve, gestiti a domicilio, e 17  in forma grave, sviluppando delle patologie neuro invasive che hanno necessitato di cure ospedaliere. Tra loro, 4 hanno perso la vita. «Grazie allo scemare delle temperature estive, la quantità di zanzare, definita tecnicamente "picco della densità vettoriale", è già alle spalle», ha rassicurato il direttore del dipartimento di Prevenzione, Vittorio Selle.

Undici cluster individuati

Da giugno 2022, nel territorio dell'azienda sanitaria si sono verificati 11 cluster. Con focolaio non si intende una trasmissione da uomo a uomo, poiché, al momento, nell'essere umano il virus si può contrarre solo attraverso la puntura di una zanzara autoctona infetta di tipo Culex (quelle che compaiono all'imbrunire). Il cluster avviene invece quando viene riscontrato più di un contagio all'interno di un arco temporale di 15 giorni, e all'interno di un raggio di due chilometri da dove è avvenuto il caso indice. Gli 11 cluster si sono registrati nei comuni di Mira, Santa Maria di Sala, Fossò, Camponogara, Venezia e Pianiga.

Il piano d'azione contro il proliferare del virus West Nile, deciso dalla Regione del Veneto e diffuso a tutte le Ulss nella giornata di ieri, ha individuato i comuni di Venezia e Spinea tra quelli a potenziale maggior rischio (aree rosse). Non sono i luoghi dove sono avvenuti nelle scorse settimane più casi di contagio, ma quelli che a causa della densità abitativa e della compresenza di altri complessi fattori determinanti sono considerati i comuni potenzialmente più a rischio per la diffusione futura del virus, e nei quali si concentreranno quindi le maggiori azioni di contrasto e prevenzione del fenomeno. A seguire, con allerta arancio, ci sono i comuni di Camponogara, Dolo e Mira. E poi quelli in allerta gialla di Cavarzere, Chioggia, Mirano, Cona, Campagna Lupia, Quarto D'altino, Campolongo Maggiore, Scorzè e Pianiga.

«Stiamo tenendo sotto controllo l'andamento della malattia e sulla base dell’esperienza possiamo dire che il fenomeno nelle prossime settimane dovrebbe scemare. - ha riferito il direttore generale, Edgardo Contato - I nostri medici hanno fornito numerose indicazioni che sono state scrupolosamente seguite dalle amministrazioni locali. Abbiamo collaborato con tutti i sindaci dall’inizio dell’estate. Quello che chiediamo in più a tutta la cittadinanza è di utilizzare tutte le protezioni comuni e di buon senso per difendersi dalle punture delle zanzare: dalle soluzioni repellenti per il corpo, specialmente all’imbrunire, alle zanzariere in casa, alle pastiglie larvicide se nel proprio giardino, orto o porzione di terra sono presenti ristagni d’acqua dove gli insetti possono nidificare».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ulss 3, da giugno 37 casi confermati di West Nile. Quattro i decessi

VeneziaToday è in caricamento