Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Grande freddo, il patriarca Moraglia: "Strutture d'accoglienza e parrocchie mobilitate"

Attenzione e vigilanza per rispondere alle possibili esigenze straordinarie di chi è in disagio e senza fissa dimora in questi giorni in cui arriverà il gelo di "burian"

Dopo i Comuni e i volontari della protezione civile, si muove anche il Patriarcato di Venezia. Il grande gelo è arrivato e serve assicurarsi che senzatetto e bisognosi possano contare su luoghi caldi, soprattutto per trascorrere la notte. Per questo motivo il patriarca Francesco Moraglia "raccomanda e ricorda come le strutture diocesane ed associative già abitualmente impegnate nel campo dell’assistenza (mense, dormitori) siano ora ancor più attivate e mobilitate per venir incontro ad ulteriori necessità ed esigenze straordinarie". Insomma, le porte sono pronte ad aprirsi in caso di necessità.

Le previsioni: gelo come non si è mai visto

L'invito del patriarca

In previsione dei giorni più rigidi, inoltre, il patriarca ha inviato anche le comunità parrocchiali della Diocesi veneziana a moltiplicare le attenzioni e ad essere particolarmente vigilanti e sollecite di fronte a situazioni di disagio e difficoltà che si potranno presentare nelle prossime ore, specialmente nei riguardi di chi è senza fissa dimora, rendendosi perciò disponibili ad offrire - se possibile - anche direttamente accoglienza, ristoro e ospitalità.

Gelo e forse neve in arrivo: scatta il piano neve per le strade, "rinforzi" in aiuto ai senzatetto

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grande freddo, il patriarca Moraglia: "Strutture d'accoglienza e parrocchie mobilitate"

VeneziaToday è in caricamento