Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Il "signore" delle navi da crociera: "Venezia ora diventa un problema"

Manfredi Lefebvre d'Ovidio, presidente di Clia Europa: "Noi spostiamo le navi dove c'è un regime accogliente, dove non ci manifestano contro"

"Venezia è un caso eclatante di destinazione che sta diventando problematica per la crociera, noi aspettiamo e vediamo". Così il presidente dell'associazione internazionale delle compagnie di crociera in Europa, Manfredi Lefebvre d'Ovidio, a margine della presentazione dell'ultimo rapporto del settore per il 2012.

NAVE DA CROCIERA IN AVARIA AL LARGO DI CHIOGGIA

"Noi spostiamo le navi dove c'è un regime accogliente, dove non ci fanno manifestazioni contro", ha detto il presidente di Clia Europa. Parlando delle potenzialità per il settore crociere nei porti del Mediterraneo, secondo Lefebvre d'Ovidio "Barcellona è un esempio di quello che si può fare per accogliere i crocieristi". Dal canto suo, "la Francia ha un supporto da parte dei porti e del legislatore, una tradizione che accoglie il turismo estero, oltre ad una valorizzazione delle sue risorse", ricorda il presidente di Clia Europa. In Grecia "stanno lavorando lentamente, potrebbero fare di più e sicuramente le tensioni sociali scoraggiano: Atene è penalizzata".

LETTORI - "QUALE IL FUTURO DEI DIPENDENTI DEL PORTO?"

COSTA E ORSONI, LE GRANDI NAVI IN ALTO MARE

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "signore" delle navi da crociera: "Venezia ora diventa un problema"

VeneziaToday è in caricamento