"Insieme per i bambini palestinesi"

foto di Giuseppina Fioretti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo: "Ieri a Mestre la presidente dell'Immigration Inclusive Centre con sede a Venezia Viorica Iachimovschi ha incontrato l'Ambasciatrice della Palestina in Italia Mai Alkaila. Cosa accomunano queste due donne ? I diritti umani,la negazione dei diritti dei bambini palestinesi,le atrocità,la violenza e la morte che incontrano le giovani menti non colpevoli .

Quanti siamo a conoscenza del numero infinito di altre facce dell'apartheid sparsi in tutta la Palestina con lo scopo diretto di ulteriormente demoralizzare e disumanizzare un popolo Molto spesso le vittime sono bambini innocenti palestinesi. A Gaza per esempio una vittima su cinque è un bambino (fonte Save the Children).I bambini pagano il prezzo più alto dei conflitti,il numero di minori uccisi in questa operazione è salito fino oltre al 40% da quando l'operazione di terra su Gaza è iniziata, il 17 luglio.

Quasi un terzo delle persone palestinesi feriti sono bambini. Oltre al terrificante dato sulle vittime, più di 72 mila bambini a Gaza hanno un urgente bisogno di sostegno e aiuto dopo aver perso dei familiari, essere stati feriti, aver assistito alla distruzione delle proprie case,delle scuole dove studiavano e degli ospedali.

25 anni fa gli Stati hanno sottoscritto un impegno con i bambini e gli adolescenti del mondo;La Convenzione dei diritti dell'infanzia, ancora oggi però milioni di bambini e adolescenti subiscono continue e terribili violazioni legate a brutali conflitti armati,povertà ,sfruttamento , malattie e morte.

I bambini devono affrontare la paura e la minaccia della violenza; "mi sento in colpa e impotente verso i bambini palestinesi;siamo un'Organizzazione che lotta per i diritti dei minori ,contro le ingiustizie sociali di ogni genere e le guerre sono le madri di ogni ingiustizia .Ho il dovere di prendermi la responsabilità anche diretta ad denunciare il silenzio complice del mondo sulla negazione dei diritti dei bambini coinvolti nelle zone in cui avvengono conflitti armati.Immigration Inclusive Centre dichiara guerra aperta al silenzio e all'indifferenza complice del mondo in nome dei bambini . In occasione della celebrazione della Giornata Internazionale dell'Infanzia e dell'Adolescenza, il prossimo 20 novembre 2016 lanceremo una petizione al livello internazionale con l'obiettivo di richiamare l'attenzione sull'attuale dramma dei bambini e adolescenti minacciati dalle guerre ,in quanto i conflitti in tutto il mondo diventano sempre più brutali, intensi e diffusi,dichiara la presidente V.Iachimovschi ."

L'ambasciatrice Mai Alkaila si dichiara aperta al sostegno e alla collaborazione".

Torna su
VeneziaToday è in caricamento