rotate-mobile
Cronaca San Marco / Piazza San Marco

Dopo il "gabbiotto" si sposta anche lo striscione su Palazzo Ducale

Il "banner" che copriva le colonne del Doge è stato spostato di qualche metro. "Sfoga" la propria soddisfazione su Twitter anche il ministro Bray

Sparisce il "gabbiotto" dal campanile di San Marco e sparisce anche lo striscione pubblicitario posto sulle colonne da dove si affacciava il Doge da Palazzo Ducale. Per  annunciare ai turisti, infatti, che a palazzo Grassi era in corso la mostra-evento su Manet, gli stessi, come riporta il Gazzettino, sono stati privati di uno degli scorci più suggestivi del Palazzo Ducale.

Almeno fino a martedì, quando i tecnici di Vela hanno spostato di qualche metro il "banner", in modo da non nascondere più le colonne del Doge. Così due "presenze" molto contestate da cittadini e social network sono sparite da piazza San Marco: detto dello striscione, anche il "gabbiotto" ai piedi del Campanile si è spostato e "ridimensionato" sotto il porticato di Palazzo Ducale.

Missione compiuta anche secondo il ministro dei Beni culturali Massimo Bray, che in occasione dell'inaugurazione della Biennale aveva voluto vedere (e fotografare) con i propri occhi la biglietteria di Vela: "Il gabbiotto è stato rimosso - ha scritto su Twitter - ed è stato attivato un punto di vendita meno impattante sotto i porticati di Palazzo Ducale".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo il "gabbiotto" si sposta anche lo striscione su Palazzo Ducale

VeneziaToday è in caricamento