rotate-mobile
Cronaca

Torna a solcare il Canal Grande il Vaporetto dell'Arte, come andrà?

La linea dedicata ai turisti è stata riconfermata. Aumentano i monumenti visitabili. Actv: "Il business plan prevede il pareggio di bilancio in tre anni"

Torna a solcare le acque del Canal Grande il Vaporetto dell'Arte, linea dedicata ai turisti che non ha mancato di scatenare polemiche sul suo effettivo successo e sulla sua concessione ad Actv, messa nel mirino dal consigliere del Movimento Cinque Stelle Gianluigi Placella. Il servizio, dedicato ai 22 milioni di visitatori che ogni anno raggiungono Venezia, sostenuto dalle istituzioni pubbliche e culturali del capoluogo lagunare (Comune, Biennale, Musei Civici, Chorus e altri), è un’iniziativa completamente autofinanziata, senza sovvenzioni pubbliche né comunali né regionali. Il business plan prevede il raggiungimento del pareggio in tre anni, "quindi anche il passivo registrato nel 2012 verrà assorbito nei prossimi due anni", spiega in una nota Actv.

La stagione primavera/estate 2013 si apre con alcune novità: la linea parte infatti ogni 40 minuti dal nuovo capolinea all’approdo di Piazzale Roma. Quest’anno hanno aderito altri sei nuovi partner tra cui Chorus (l’associazione Chiese del Patriarcato di Venezia), l’Abbazia San Giorgio Maggiore e il Museo Storico Navale. Diventano così 46 le sedi del patrimonio artistico e culturale veneziano visitabili lungo il percorso: i turisti possono salire e scendere a piacimento fermandosi a visitare musei, monumenti, teatri ed esposizioni. Per i possessori di biglietto “Vaporetto dell’Arte”, i musei offrono iniziative, sconti e agevolazioni in partnership, tutte consultabili sul sito www.vaporettoarte.com.

Ogni posto a sedere è dotato di monitor e di presa auricolari in 6 lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo) selezionabili dal passeggero; un aiuto per seguire il percorso e orientarsi lungo il Canal Grande e le sue meraviglie.

Due le novità 2013 che riguardano le tariffe. La prima è pensata per i residenti titolari di un abbonamento annuale del trasporto pubblico: con un’integrazione di 50 euro all'anno potranno usufruire anche della linea dell’arte. La seconda è per i possessori di biglietto turistico a tempo, che da oggi avranno la possibilità di acquistare il biglietto integrativo per il Vaporetto dell’Arte anche in un secondo momento: con una integrazione di 10 euro potranno usufruire della linea dell’arte per la durata di 4 ore e approfittare di qualche viaggio e visita lungo il Canal grande. Biglietti acquistabili sul posto o sul portale www.veniceconnected.com, da singoli e da gruppi (minimo 20 persone).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna a solcare il Canal Grande il Vaporetto dell'Arte, come andrà?

VeneziaToday è in caricamento