menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il quadro donato alla Regione

Il quadro donato alla Regione

Un quadro del veneziano Gianquinto "trova casa" a palazzo Balbi

Stamattina l'assessore alla Cultura Marino Zorzato ha presentato il dipinto a olio su tela del 1977 intitolato "Aetatis III", realizzato dall'artista morto nel 2003 e donato dai suoi eredi alla Regione

Il vicepresidente della Giunta regionale e assessore alla Cultura del Veneto, Marino Zorzato, ha formalizzato, con la collocazione a Palazzo Balbi, la presa in carico del dipinto a olio su tela intitolato "Aetatis III", realizzato nel 1977 da Alberto Gianquinto e donato alla Regione dagli eredi del pittore veneziano, morto nel 2003.

Alla consegna dell'opera, che è stata posizionata nel salone davanti alla sala giunta, erano presenti anche Luciana Battistella e Antonino Gianquinto, moglie e figlio dell'artista. "La Regione ha accettato volentieri la donazione - ha detto Zorzato - e la collocazione a Palazzo Balbi permetterà agli ospiti e ai visitatori di apprezzare quest'opera dell'artista veneziano, che viene ad accrescere il patrimonio culturale a disposizione dell'amministrazione regionale".


Alberto Gianquinto (nato al Lido di Venezia nel 1929) ha partecipato con le sue opere a numerose mostre, iniziate nel 1955 alla Bevilacqua La Masa di Venezia e continuate alla Biennale di Venezia, alla Quadriennale di Roma e nelle più importanti gallerie nazionali e venete. In occasione della predisposizione e compilazione del Catalogo Generale dell'opera di Gianquinto da parte del professor Giuseppe Appella di Roma, gli eredi hanno espresso la volontà di donare alla Regione questo lavoro eseguito nel 1977, che misura tre metri per due. Finora il dipinto si trovava presso la residenza della moglie del pittore a Jesolo. (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento