rotate-mobile
Cronaca

Via Ungaretti, un caos quotidiano

Un tipico esempio di Via Ungaretti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

A Jesolo Lido, una via larga poco meno di 5 metri e 50 cm, dove ci passano a fatica 2 autovetture, questa è via Giuseppe Ungaretti, diventata da qualche anno in seguito alla costruzione delle torri di Piazza Drago, un'arteria primaria stradale.

Per la pianificazione del traffico, come sempre si campa alla giornata in base alle lamentele, qui non va, io ho bisogno che i fornitori vengano a consegnare, qui ho i clienti dell'albergo che entrano e non possiamo lasciare senso unico, in poche parole si è fatto poco e/o niente per la pianificazione del traffico, credo, che le amministrazioni passate e presenti abbiano e stiano facendo di tutto per creare il caos.

Uno strumento importantissimo per il territorio di Jesolo, il PUT ( piano Urbano del traffico), viene studiato come se fosse un'optional. una cosa da vivere alla giornata, non si studiano i volumi del traffico quotidiano ecc.
Jesolo nasce ed esplode negli anni 50 senza una predisposizione stradale lungimirante per il traffico, piccole stradine perpendicolari alle due, anche queste, piccole strade centrali, Via Bafile e Via Aquileia.

Poi con l'esplodere della speculazione edilizia e con i piani di recupero privati dati in pasto al privato con l'avallo della classe politica ( attraverso le approvazioni in Consiglio Comunale), queste viuzze dai 3 metri di larghezza ai 5,50, con l'andare degli anni sono diventate arterie, come fossero delle circonvallazioni nelle grandi città. Una di queste, un tipico esempio è ahimè via Ungaretti.


L'anno scorso ed esattamente il 10 Aprile 2012 è stata protocollata una richiesta da parte dei residenti della zona per la costruzione del marciapiede, il divieto di transito per pulmans, il divieto di sosta ed un'attenzione particolare per lo scarico dei rifiuti solidi urbani abbandonati da tutti, come fosse una discarica, addirittura dai domenicali.

Oggi a distanza di un anno e con l'avvicendamento delle istituzioni dal Sindaco Calzavara al suo Vice Sindaco Valerio Zoggia, non è cambiato nulla, Via Ungaretti è sempre la stessa, un caos quotidiano.

Claudio

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Ungaretti, un caos quotidiano

VeneziaToday è in caricamento