Il pazzo di Gogol in galleria

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo:

"Rassegna Aut-Out Of-f BIENNALE:
Primo vernissage e primo spettacolo: il teatro incontra l’arte

Sabato 19 agosto 2017, alle ore 18, presso gli spazi della GALLERIA ITINERARTE, Venezia, Rio Terà de la Carità – Dorsoduro 1046 (accanto alle Gallerie dell’Accademia), primo evento inaugurale della rassegna intitolata “Aut-Out Of-f Biennale”, col vernissage di presentazione delle prime due mostre personali (Orsenigo e Tortelotti) e il primo spettacolo (“Il diario di un pazzo” di Gogol in una versione “intramuscolo” di soli 35’)

Le prime due mostre personali in programma, rispettivamente nello Spazio Campiello e nell’adiacente Spazio Rio Terà della Galleria ItinerArte, sono “Lazarus e altre storie” dell’artista canturino Giuseppe Orsenigo, e “Making Worlds/Fare Mondi” del piacentino Roberto Tortelotti che è un omaggio al titolo di una passata edizione della Biennale.

Si tratta di due personali di grande interesse, che denotano fin da subito il carattere di originalità “pret à porter” delle proposte di questa kermesse sul versante artistico, in un rapporto ambivalente nei confronti della Biennale, da una parte di antitesi, dall’altra di dialogo ideale, forse provocatorio. Rapporto che si evince d'altronde già dal gioco di parole del titolo della rassegna stessa.

Le mostre proseguiranno entrambe fino al 24 agosto, con apertura dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19, sabato e domenica dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 19; lunedì chiuso.

In abbinamento al vernissage di queste due prime mostre, alle ore 18,30 il primo di una serie di 7 appuntamenti di eventi performativi (mini-concerti, monologhi teatrali, presentazioni di libri, performance), una vera e propria rassegna nella rassegna intitolata “AperiRock” che vede come primo appuntamento un monologo teatrale di 35’ tratto dal “Diario di un pazzo” di Gogol, con protagonista in veste di attore lo stesso direttore artistico della rassegna Virgilio Patarini.

Tutto a ingresso libero

IL PRIMO SPETTACOLO: DIARIO DI UN PAZZO

Dall’omonimo racconto di Gogol

Un breve spettacolo teatrale a tutti gli effetti che narra le tragicomiche e surreali vicende di un povero ed oscuro impiegatuccio della burocrazia zarista “follemente” innamorato della figlia del suo direttore. Amore ovviamente non corrisposto e che darà il via ad una serie di “follie” da parte del protagonista e di situazioni assurde… Una versione “bonsai”, per non dire da “intramuscolo” di quel “Diario di un pazzo” tratto da Gogol che vide debuttare Virgilio Patarini come regista e attore protagonista al Teatro Libero di Milano vent’anni fa, dopo un esordio folgorante come giovanissimo drammaturgo pluripremiato alcuni anni prima (vedi la storia dello spettacolo e la relativa rassegna stampa su: https://www.virgiliopatarini.com/teatro/regie/il-diario-di-un-pazzo/ ).

LE PRIME DUE MOSTRE PERSONALI: ORSENIGO e TORTELOTTI

GIUSEPPE ORSENIGO, LAZARUS E ALTRE STORIE

“Giuseppe Orsenigo è il prototipo dell'artista post-moderno. In lui c'è un impulso irrefrenabile ad una sintesi estrema di elementi lontani tra loro, apparentemente incongruenti, discordanti. La contaminazione per l'artista canturino è una seconda natura, un habitus mentale che è diventato una seconda pelle. Egli usa di tutto per le sue composizioni: fotografia, disegno, pittura, disegno geometrico, materiali di ogni tipo come metallo, legno, resine, carte applicate. Spesso i suoi quadri sono veri e propri bassorilievi, con bombature metalliche, parti in rilievo, aggettanti. Gli elementi figurativi si mischiano a quelli informali, l'uso pop di fotografie tratte da riviste patinate si alterna a guizzi geniali di arte provocatoria e concettuale, in una ridda ubriacante di riferimenti, citazioni, allusioni, capaci di conciliare la dimensione onirica e delirante del mito con la quotidianità. Ogni opera di Orsenigo è l'esplorazione di un mondo. Ogni volta un nuovo mondo, in un gioco differente di razionalità e emozione, di sogni affastellati, scomposti e ricomposti e di concreti, puntuali riferimenti alla realtà. Con colpi di scena e alzate d'ingegno uniche e spiazzanti. Come ad esempio nell'opera intitolata 'Psicanalisi': una grande lastra di metallo nero, un metallo cangiante alla luce, lucido e opaco al tempo stesso, con al centro un buco, in profondità, qualche centimetro nel buio, una minuscola superficie di specchio infranto e ricomposto, in cui, non chiunque, ma solo il fruitore che si avvicini e guardi dentro, nel buco, può scorgere se stesso: il proprio volto, il proprio occhio infranto e ricomposto. Un'opera così, che coniuga Fontana e Pistoletto (e che li supera, almeno in sense of humour), basta da sola a sancire la statura di un artista. Perchè , certo, un artista come Orsenigo è un nano rispetto a giganti come Fontana e Pistoletto, ma se il nano si arrampica sulle spalle dei giganti ...”

Virgilio Patarini (da “Post-Avanguardia”, Ed. Giorgio Mondadori, 2010)

ROBERTO TORTELOTTI, MAKING WORLDS / FARE MONDI

Dice del progetto lo stesso Tortelotti: “Con Making Worlds inizio un racconto destinato a non aver mai fine. Partendo dalle colline della Valtrebbia, mia terra d’origine, e con la prima tappa nella laguna di Venezia, Making Words traccia l’inizio di un percorso dai molteplici risvolti. Qui, a Venezia, nell’Agosto 2017, renderò omaggio alla Biennale d’arte, da cui ho preso in prestito (con gratitudine), il titolo bilingue di una delle edizioni scorse, con una serie di opere semplici e di piccolo formato, seguendo una sorta di“alfabeto” delle forme e che si fonda su alcuni elementi ricorrenti: i “Visitors” intesi come ospiti, visitatori, ovvero delle figure stilizzate di uomini, meglio: visitatori; le “Querce” come le grandi querce esistente in Val Trebbia; le “Antenne” come le antenne esistenti in Val Trebbia che trasmettono segnali e comunicazioni; i “Cani” come lo spinone o il bastardino tenuti nella casa di fianco alla grande quercia della mia infanzia; la lettera V e la lettera T di Val Trebbia; il “Fiume” che dà il nome alla valle… e così via. I “Mondi” sono rappresentati come palle rotonde o come dischi che appaiono a gruppi in ordine o in disordine e sui quali spesso scendono o salgono i Visitors e dove sono installati, all’insù o all’ingiù, le Querce o le Antenne, i Cani o le Lettere, tanto che spesso non si sa se si tratta di Mondi esistenti o di Mondi Paralleli Quantistici, di Mondi uguali o diversi disposti di fronte al nostro (vero o falso che sia) oppure di proiezioni mentali”.

I PROTAGONISTI

GIUSEPPE ORSENIGO. Giuseppe Orsenigo nasce nel 1948 a Cantù, Como. Frequenta l’Istituto d’arte della sua città dove si diploma Maestro d’Arte nel 1966, sotto la direzione di Norberto Marchi. “Sono figlio di artigiani del mobile “dice,” e quindi mi sono dedicato subito, oltre agli studi, al lavoro in bottega, tra gli intagli e gli intarsi che venivano alla luce dalle mani di mio padre. A differenza sua, però, mi sono affacciato a questo mondo quando il secolo si stava facendo incredibilmente breve: credo di dovere quindi molto a quel clima culturale che ha animato gli anni Cinquanta e Sessanta. (…) a Cantù organizzavano le “Selettive (…) che richiamava le grandi firme dell’architettura d’interni e dell’arte: da Giò Ponti a Fausto Melotti, da Vico Magistretti a Marco Zanuso e Ilmari Tapiovaara, sino a Lucio Fontana che, in occasione della costruzione dell’allora palazzo della nuova “Permanente mobili”, società di cui la mia famiglia fa parte praticamente da sempre, realizzò uno splendido mosaico(…). Mi sono formato così, frequentando anche i corsi dell’Istituto d’Arte, dove allora insegnavano importanti esponenti della cultura italiana del saper fare”.

L’attività artistica di Giuseppe Orsenigo risale ai primi anni Sessanta, ma sino al 2001 , data della sua prima personale alla Galleria Mauri di Mariano Comense , si è sempre rifiutato di esporre in pubblico le sue opere. “Trent’anni di segreto lavoro, quasi al riparo da occhi indiscreti, o da giudizi frettolosi e intempestivi”, come scrive in noto critico Morando Morandini, sono serviti per affinare il suo stile pittorico” la firma della sua volontà di fare e di esprimersi”. Attivo nell’ambito della progettazione di elementi di arredo , ed esperto conoscitore delle tecniche della lavorazione del legno, è titolare di un laboratorio artigiano in Brianza. Una vocazione che lo ha portato a contatto con aziende prestigiose come la Ferrari.

Ha esposto in numerose collettive e personali in Italia e all’estero: da Innsbruck a New York, da Parigi a Roma, Milano, Venezia, Ferrara, Napoli, Lecce… Di lui si sono interessati quotidiani e televisioni nazionali fra cui Rai3, La Stampa, Avvenire, Il Giornale, Magazine di Repubblica America, La Provincia di Como, Il Corriere di Como,Il Giorno. Le sue opere sono pubblicate nel volume “Post Avanguardia” e ”Dramatis Personae - Il volto e la figura nell’arte italiana contemporanea” dell’Editoriale Giorgio Mondadori (2010 e 2016), nel catalogo del Ferrara Art Festival sempre dell’Editoriale Giorgio Mondadori (2014), in “Prospettiva Post-Avanguardia”, Edizioni Zamnehof Art, 2012, “GruppoE”, Edizioni Aestdell’Eden 2014 e 2015; inoltre un suo Catalogo Monografico è stato pubblicato dalle Edizioni Zamenhof Art nel 2014. Di lui hanno scritto: Laura e Morando Morandini, Gianni Pre, Franco De Faveri, Giuseppe Possa, Alessandra Masseglia, Gianfranco Vicentini, Corrado Cattaneo, Lorenzo Morandotti, Davide Corsetti, Paolo Levi, Virgilio Patarini, Alberto Longatti e Anna Bonanni. Tra le più significative esposizioni personali degli ultimissimi anni ricordiamo: nel 2014 a CANTU’, Sala UBI, “La Torre di Babele”, a cura di A. Longatti; a Ferrara, Palazzo della Racchetta, “La vita che vorrei” a cura di V. Patarini; a Milano, allo Spazio E, “Alchimie del giorno e della notte” a cura di V. Carrera e V. Patarini; nel 2015 a Erba, Sala Assipromos, “Alchimie del giorno e della notte” a cura di M. Malgesini e C. Terraneo e allo Spazio E di Milano, “Astrazioni “ a cura di V. Patarini; nel 2016 a Napoli, Castel dell’Ovo, “Dramatis Personae” a cura di V. Patarini, catalogo Mondadori.

ROBERTO TORTELOTTI. Nasce il 23-03-56 a Piacenza. Si laurea in architettura nel 1980 al Politecnico di Milano. Frequenta il Master in design della Domus Academy di Milano seguendo in particolare i corsi dell’arch. Michele De Lucchi. Sviluppa la sua attività professionale come designer e consulente di aziende del settore arredamento. Partecipa a mostre internazionali di design e a progetti organizzati dallo Studio Alchimia dell’arch. Alessandro Mendini. Si occupa di architettura e di design d’interni.

Parallelamente si interessa di arte visiva frequentando corsi di pittura, scultura, fotografia e studi di artisti italiani ed americani. Dal 1992 al 2007 progetta 800 opere di arte multimediale. Nel 2009 sviluppa il progetto “Fanti & Eroi/ uno di ottocento” e nel 2010 il progetto “Depauperart/ Flowers” presentandoli in due distinte personali alla galleria Rosso Tiziano di Piacenza. Nel 2010 e nel 2011 è inserito nel Catalogo dell’Arte Moderna –Editoriale Giorgio Mondatori- e negli stessi anni è inserito nel Catalogo Nuova Arte di Cairo Editore. Finalista nel 2009 del premio Arte Mondadori nelle sezioni fotografia e scultura e del Premio Internazionale Arte Laguna nella sezione fotografia. Nel 2010 è vincitore della Biennale di Asolo nella sezione fotografia e finalista del premio Arte Mondadori nella sezione scultura. Pittura, scultura, scrittura, fotografia, light box, video, performance, installazione sono i principali media utilizzati. Nel 2014 inizia la preparazione del terzo ciclo di opere: si tratta del progetto dal titolo “Fare Mondi/Le Architetture” ed espone, con il curatore Virgilio Patarini, in varie sedi fra cui la Rocca Viscontea di Lacchiarella ed il Piacenza Art Festival nel complesso museale Ricci Oddi. Fra maggio e settembre del 2014 una sua installazione luminosa è esposta in permanenza al Ferrara Art Festival, Palazzo della Racchetta, Catalogo Mondadori. Nel 2015 e 2016 partecipa a collettive a Napoli, Ferrara, Milano, Piacenza ed inaugura una personale alla Galleria SPAZIO E a Milano, Alzaia Naviglio Grande, semprea cura di Virgilio Patarini. Ancora nel 2016 fonda RTA Italian Luxury Lifestyle

VIRGILIO PATARINI. Virgilio Patarini (Breno, 1967) è autore eclettico: pittore, scrittore, regista teatrale, critico e curatore di mostre d'arte contemporanea... Altrettanto articolata e variegata è stata la sua formazione: dopo il Liceo Classico e Lettere Classiche a Milano, è passato al DAMS di Bologna. Contemporaneamente è stato allievo di Kuniaki Ida a Milano (Teatro), e poi di Arnaldo Picchi (Istituzioni di Regia) e Renato Barilli (Arte Contemporanea). Come autore teatrale tra il 1992 e il 1993 suoi testi (Ivan e il maestro, Tutta colpa di Ponzio Pilato, Vuoti di scena) sono stati premiati al Premio Ugo Betti, al Premio Vallecorsi e al Premio IDI Autori Nuovi. Come regista teatrale ha al suo attivo la messa in scena di numerosi spettacoli da “Il diario di un pazzo”, da Gogol, a Milano al Teatro Libero nel 2000 fino a "Variazioni su Saffo" a Ferrara, nel 2015 al Palazzo Racchetta. Ha inoltre ideato, organizzato e diretto festivals (Russkij Festival a Milano, nel 2000, 2001 e 2003; Ferrara Art Festival nel 2014, 2015, 2016; Piacenza Art Festival, 2014) e rassegne teatrali e/o multidisciplinari.

Ha all'attivo la curatela di oltre trecento mostre d’arte contemporanea (per lo più artisti giovani e emergenti), di oltre cinquanta cataloghi d’arte contemporanea (idem), tra cui una decina per l’Editoriale Giorgio Mondadori, e, come autore, la pubblicazione di alcune opere letterarie di poesia, narrativa e teatro. Come curatore tra i suoi impegni più significativi ricordiamo "Sélection Comparaisons. 88 artisti dal Grand Palais di Parigi" , nell'estate del 2012, alla Galleria Zamenhof, al Castello di Carlo V di Lecce e a Palazzo Zenobio a Venezia; "Riccardo Licata: opere recentissime", sempre a Palazzo Zenobio. "La via italiana all'Informale: Ultime tendenze" a Ferrara, Palazzo della Racchetta, nella primavera del 2013. Ha fondato e diretto, insieme a Valentina Carrera, tre gallerie milanesi: l’Atelier Chagall (dal 2003 al 2013), la Galleria Mirò stagione 2005-2006 e la Galleria Zamenhof (dal 2008 al 2013). Ha fondato e diretto nella stagione 2013-2014 la Galleria 20 di Torino.

Tra i luoghi dove ha esposto come pittore, scultore e autore di installazioni ricordiamo una serie di mostre per lo più personali, dal 1999 al 2011: a Milano alla Basilica di S.Celso, agli Archivi del ‘900; alla Rocca Viscontea di Lacchiarella (MI), a Palazzo Beato Jacopo di Varazze (SV), alla Sala del ‘400 di Pontremoli, allo Studio E.S.P. di Como; alla Galleria Zamenhof e all’Atelier Chagall di Milano; il Castello Estense e Palazzo della Racchetta di Ferrara; il Castello di Carlo V a Lecce.Nel 2010 una sua installazione dedicata a Ofelia è stata esposta a maggio al Castello Estense di Ferrara, a luglio alla Pinacoteca Civica di Imperia, a settembre al Castello Malaspina di Massa e a novembre al Grand Palais di Parigi nell'ambito del Salon Comparaisons 2010. Nel 2012 una sua mostra personale a cura di Izabella Lubiniecka, a Venezia, Palazzo Zenobio, al Padiglione Islanda. Nel 2013 una personale alla Galleria Vista di Roma. Nel 2014 mostre personali a Milano, Spazio E, Torino, Galleria 20 e Ferrara, Galleria del Rivellino. Nel 2015 mostre personali allo Spazio Libero 8 di Milano, nel Complesso Museale Ricci Oddi di Piacenza e a Palazzo della Racchetta a Ferrara. Nel 2016 mostra personale a Castel dell'Ovo, Napoli.

Ha esposto per cinque anni consecutivi a Parigi, al Grand Palais, Salon Comparaisons, nella sezione "Installazioni libere" (dal 2010 al 2014), i primi due anni sotto la curatela dell’artista polacca Ewa Novak, negli ultimi tre con l’artista e curatrice coreana Kim Sang Lan. È attualmente il direttore artistico di Zamenhof Art e del Ferrara Art Festival

Per leggere una nota biografica più completa: https://www.virgiliopatarini.com/nota-biografica/



LA RASSEGNA Aut-Out Of-f BIENNALE

Dal 15 agosto al 15 ottobre 2017, negli spazi della Galleria fondata da Maria Novella dei Carraresi collocata in una zona nevralgica di Venezia, proprio accanto alle Gallerie dell’Accademia, tra il Ponte dell’Accademia, le Zattere e lo Squero di S.Trovaso, un ricco e articolato programma di ben 11 mostre con protagonisti una ventina di artisti contemporanei, abbinato ad una rassegne di 7 eventi tra musica, teatro da camera e presentazione di libri.

Le mostre, per lo più personali, spazieranno dal figurativo all’astratto, indagando spesso e volentieri i territori di confine tra i generi e gli stili: tra figurazione e astrazione, tra fotografia e pittura, tra astrazione, figurazione e poesia visiva. Oppure le possibilità contemporanee di una figurazione o di una astrazione che potremmo definire “2.0”.

Non a caso molti degli artisti presentati in mostra in questa rassegna sono presenti sul volume della Giorgio Mondadori intitolato “Cross Over”, curato dallo stesso Patarini, che indaga proprio quel territorio di contaminazioni e sconfinamenti che caratterizza tanta arte italiana contemporanea.

Sul versante musicale, teatrale ed editoriale per sette sabati, all’ora dell’aperitivo, una rassegna nella rassegna intitolata “AperiRock”, in cui la Galleria ItinerArte spalancherà letteralmente le sue porte e finestre per presentare il lavoro o la performance di un giovane cantautore italiano, di un autore o un attore. Dentro la galleria il performer, fuori nel Campiello davanti alle grandi finestre spalancate il pubblico comodamente seduto, per una “degustazione”, o meglio ancora un “assaggio” di 30/40’ di musica, teatro, libri.

Tutto a ingresso libero.

Per CALENDARIO DETTAGLIATO, aggiornamenti e altre informazioni : https://www.zamenhofart.it/aut-out-of-f-biennale/"

I più letti
Torna su
VeneziaToday è in caricamento