menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pesci morti (foto Stefano Barzizza)

Pesci morti (foto Stefano Barzizza)

Moria di pesci in laguna, Zanoni: "Si faccia chiarezza al più presto"

L'eurodeputato Alde, che già in passato aveva chiesto interventi riguardo alle alghe, pretende che la commissione europea faccia luce sui fatti

“La Commissione europea spinga le autorità locali venete a fare luce immediatamente sullo scempio ambientale della moria di massa di pesci a Venezia per scongiurare ogni possibile ripercussione sulla salute dei cittadini e sull’ecosistema ed evitare il propagarsi di questo preoccupante fenomeno”. Lo chiede con un'interrogazione parlamentare Andrea Zanoni, eurodeputato Alde e membro della commissione Envi Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare al Parlamento europeo. Zanoni continua: “Le tonnellate di pesce marcio raccolti fanno paura. E' fondamentale che si scoprano immediatamente le cause di questo disastro per scongiurare eventuali effetti a catena e rischi per la popolazione e l’ecosistema”.

L'ARPAV ACCUSA LE ALGHE E IL GRAN CALDO

Da circa metà luglio 2013 a Venezia si è iniziato a percepire un odore terribile e l’acqua della laguna ha acquistato un colore marrone, quasi nero. Dalla notte fra venerdì 19 e sabato 20 luglio sono stati avvistati migliaia di pesci morti galleggianti. Nella mattinata di venerdì numerosissimi pesci in decomposizione, compresi anguille e granchi, sono apparsi nei canali interni del centro storico della città. I cittadini veneziani riportano uno spettacolo terrificante, con un odore insopportabile diffuso la mattina del 21 ed avvistamenti di pesci galleggianti con le interiora esposte. Veritas (Veneziana Energia Risorse Idriche Territorio Ambiente Servizi), l’azienda erogatrice di servizi ambientali di Venezia, ha raccolto in due giorni circa 15 tonnellate di pesce marcio.

LA PROCURA APRE UN'INCHIESTA

“Il Comune di Venezia e l’Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto (Arpav) dicono che il fenomeno sarebbe legato alla proliferazione anomala di alghe allogene. Considero fondamentale che questa ipotesi venga comprovata con analisi immediate e scrupolose dei pesci ritrovati e dell'acqua della laguna – attacca Zanoni – Non possiamo correre il minimo rischio che le cause siano ben più gravi e possano in qualche modo minacciare l'ecosistema marino delle laguna e, peggio ancora, la salute di veneziani e turisti”.

Nel gennaio 2012 Zanoni è stato uno dei quattro promotori della dichiarazione scritta 41/2011 che chiede alla Commissione europea di elaborare un piano di azione europeo per proteggere i propri litorali dal proliferare delle alghe. Dopo l'approvazione della dichiarazione dall'intero Parlamento europeo, Zanoni aveva dichiarato: "L’eccessiva proliferazione di alghe interessa l’insieme dei litorali europei, compreso l'Adriatico, a seguito dell’eutrofizzazione delle acque costiere e degli estuari. Considerando che questi fenomeni danneggiano gravemente il buono stato ecologico delle acque, la salute pubblica e il dinamismo economico dei territori interessati, bisogna intervenire al più presto e a livello europeo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento